IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Incidente sulla Variante, feriti e caos traffico
Assalto in banca, ladri in fuga
Tenta di soccorrere la moglie ferita e muore colto da malore, dramma a Santa Lucia di Serino
Lieve scossa di terremoto in Irpinia
Si spara un colpo di fucile al volto. Un altro suicidio a Fontanarosa
Sequestrate oltre 300 tonnellate di cereali in Irpinia
Europei Taekwondo, Pietro Pilunni porta sul podio l'Italia a Marina D'Or (Spagna)
Incidente tra due auto nei pressi del Movieplex, feriti mamma e bimbi
Schianto tra auto e moto, ferito giovane centauro
Premio Montanelli alla giornalista Virginia Della Sala

 

Calci e pugni ad un cliente del bar, arrestato 50enne

L'arresto della polizia

(L'arresto della polizia)
(Foto: Irpiniareport)

Gli Agenti del Commissariato di Ariano Irpino hanno dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere, nei confronti di un pluripregiudicato 50enne del luogo. L’uomo, disoccupato e con una personalità schiva, dalla natura violenta, evidenziata in più occasioni anche in famiglia con reiterati maltrattamenti, già destinatario, tra l’altro, della misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Ariano Irpino, era stato notato, in più circostanze, aggirarsi per le strade principali del paese. A far scattare il provvedimento restrittivo è stato l’ennesimo, violento litigio e la contestuale aggressione, avvenuta alla fine del mese di dicembre all’interno di un locale pubblico, allorquando, per futili motivi, il pluripregiudicato aggrediva un avventore con calci e pugni, cosi forti da causare al malcapitato gravi lesioni facciali oltre alla microfrattura di un condotto uditivo. Quest’ultimo, grave episodio, provocato dal 50enne, palesemente incurante delle prescrizioni imposte della misura già in atto a suo carico, ha consentito al magistrato di richiedere la misura cautelare in carcere, emessa, immediatamente, dal GIP presso il Tribunale di Benevento. Lo stesso, rintracciato nella giornata di ieri è stato pertanto condotto in Commissariato e, successivamente, al termine dell’iter burocratico, tradotto presso la locale Casa Circondariale.

Condividi