IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allarme Confartigianato Avellino: “Il 35,67% dei dipendenti delle aziende artigiane e Pmi a rischio licenziamento”
In fila per il vaccino scopre di avere il Covid. Caos e paura a Monteforte Irpino
Il Covid uccide un medico di famiglia di San Sossio Baronia
Rubano un'auto in una villa, ripresi dalla videosorveglianza. È caccia ai ladri
Riprese le ricerche di Domenico Manzo scomparso da Prata Principato Ultra due mesi fa
Guasto condotta idrica a Cassano Irpino: 100 Comuni senz'acqua. Ecco quali
Trovato impiccato a un albero, choc nelle campagne di Bonito
Covid-19, picco in Irpinia: registrati 147 contagi
Covid-19, nuova impennata dei contagi in Irpinia. Mai tanti dal mese di dicembre
Compra on-line un'opera letteraria da 2.700 euro, a casa arriva un libro da quattro soldi

 

Cantieri edili, denunce e sequestri per irregolarità

Operai a nero e carenze nelle misure di sicurezza

edilizia

(edilizia)
(Foto: Lorem Ipse)

Nelle ultime due settimane di questo mese di aprile, sono continuati i controlli messi in campo dai carabinieri del Comando Provinciale di Avellino che unitamente agli ispettori della Direzione Provinciale del Lavoro di Avellino ed ai Carabinieri del Nucleo Tutela del Lavoro di Avellino hanno dato corso ad una nuova tornata d’ispezioni congiunte, volte a controllare alcuni cantieri edili compresi nell’area dell’hinterland avellinese. In totale sono state ispezionate 13 aziende operanti all’interno di 4 cantieri edili e complessivamente al termine di questa ulteriore ondata di controlli, sono state deferite in stato di libertà perché ritenute a vario titolo responsabili di violazioni delle norme per la prevenzione degli infortuni, impiego di manodopera irregolare, mancata corresponsione dei contributi previdenziali ed abusi edilizi 11 persone. Un primo servizio ispettivo è stato condotto nel capoluogo, a Collina Liguorini, ove erano in corso dei lavori edili per la realizzazione di 20 alloggi da adibire a civile abitazione, affidati a 3 ditte, rispettivamente di Montemarano, Frignano (CE) ed Avellino. I controlli dei carabinieri e degli ispettori del lavoro di Avellino hanno fatto emergere molteplici violazioni alla normativa in tema di costruzioni e sicurezza dei lavoratori. Solo per citare alcune delle violazioni contestate: carenza dei requisiti di sicurezza delle impalcature e dei ponteggi, mancanza di parapetti sulle scale in costruzione, carenze di ordine e salubrità del cantiere edile, irregolarità sul piano operativo di sicurezza, mancata istruzione dei lavoratori circa i rischi connessi al lavoro. Per tutte queste violazioni, il cantiere edile è stato sottoposto a sequestro preventivo, mentre i 3 legali rappresentanti delle aziende ispezionate, così come il coordinatore della sicurezza, sono stati denunciati a piede libero. In un altro controllo, avvenuto a Cervinara, i militari e gli ispettori del lavoro di Avellino hanno deferito in stato di libertà ben 4 imprenditori, legali rappresentanti di altrettante aziende edili, anche in questo caso responsabili di molteplici violazioni alle normative in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro. Per una delle 4 aziende, in cui è stata constatata la presenza di lavoratori irregolari in quantità superiore al 20%, è stata pure disposta la sospensione amministrativa dell’attività imprenditoriale per lavoro nero. Ancora, sempre i carabinieri della Stazione di Cervinara hanno eseguito un ulteriore controllo ad un fabbricato in costruzione ubicato a Rotondi, deferendo la proprietaria del terreno per aver iniziato una realizzazione edilizia in assenza del permesso a costruire. Infine, in un ultimo controllo ad un cantiere di Mercogliano, è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino un altro imprenditore edile, legale rappresentante dell’azienda impegnata nei lavori, per le consuete violazioni alla normativa sulla sicurezza del lavoro. Salate anche le contravvenzioni amministrative elevate, che in totale superano i 25mila euro.

Condividi