IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente
Operai in nero in un cantiere, nei guai un imprenditore edile
Monteforte Irpino, sorpresi a tagliare faggi in area protetta. Denunciati
Gas Radon, prorogata la scadenza per i controlli. Mocella (Confartigianato): "Sgravi per le attività obbligate alle verifiche"
Mercogliano, riattivato lo sportello antiracket
Spostamento terminal bus, riunione in Provincia

 

Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari

Carabinieri Forestali

(Carabinieri Forestali)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione Forestale di Monteforte Irpino hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino due persone ritenute responsabili di aver eseguito opere edili in assenza di autorizzazione o in difformità di essa. Nello specifico, all’esito del sopralluogo presso una rivendita di veicoli ubicata in un comune del Mandamento baianese, veniva riscontrato nel fondo agricolo adiacente, la presenza di un capannone di circa 120 metri quadrati adibito a officina meccanica e deposito di materiale riconducibile alla medesima attività commerciale mentre sul piazzale di circa 300 metri quadrati, la presenza di 37 autovetture in esposizione, che risultavano essere tutte iscritte nel registro di carico e scarico autovetture in vendita della società. Dai successivi accertamenti si appurava che il fondo ricade in zona agricola ad elevato rischio idraulico nonché in fascia di protezione ai sensi del D. Lgs. 42/2004, ovvero a distanza inferiore a centocinquanta metri da un torrente. Si accertava quindi che sia il capannone che l’area antistante avevano subito un mutamento di destinazione d’uso (da agricola a commerciale) in assenza di autorizzazione e pertanto si procedeva al sequestro preventivo dell’area.

Condividi