IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica
"Più strisce pedonali ad Avellino per garantire maggiore sicurezza ai cittadini"
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino

 

Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari

Carabinieri Forestali

(Carabinieri Forestali)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione Forestale di Monteforte Irpino hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino due persone ritenute responsabili di aver eseguito opere edili in assenza di autorizzazione o in difformità di essa. Nello specifico, all’esito del sopralluogo presso una rivendita di veicoli ubicata in un comune del Mandamento baianese, veniva riscontrato nel fondo agricolo adiacente, la presenza di un capannone di circa 120 metri quadrati adibito a officina meccanica e deposito di materiale riconducibile alla medesima attività commerciale mentre sul piazzale di circa 300 metri quadrati, la presenza di 37 autovetture in esposizione, che risultavano essere tutte iscritte nel registro di carico e scarico autovetture in vendita della società. Dai successivi accertamenti si appurava che il fondo ricade in zona agricola ad elevato rischio idraulico nonché in fascia di protezione ai sensi del D. Lgs. 42/2004, ovvero a distanza inferiore a centocinquanta metri da un torrente. Si accertava quindi che sia il capannone che l’area antistante avevano subito un mutamento di destinazione d’uso (da agricola a commerciale) in assenza di autorizzazione e pertanto si procedeva al sequestro preventivo dell’area.

Condividi