IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Catturato a Sant'Angelo dei L. il latitante Vincenzo Schiavone

Si trovava in una struttura sanitaria. Il blitz della polizia

Vincenzo Schiavone

(Vincenzo Schiavone)
(Foto: Questura Avellino)

Catturato il boss Vincenzo Schiavone. Gli agenti della squadra mobile di Avellino e del Commissariato di Sant'Angelo dei Lombardi, coordinati dallo Sco, hanno arrestato l'uomo, un 38enne, ritenuto il cassiere del clan dei Casalesi del boss "Sandokan". La brillante operazione è stata compiuta presso una nota struttura sanitaria di Sant'Angelo dei Lombardi, dov'era ricoverato. Vincenzo Schiavone era inserito nella lista dei cento latitanti più pericolosi. Era ricercato dal 2008. Deve rispondere di omicidio, associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione pluriaggravata, ricettazione, porto e detenzione illegale di armi da fuoco. Schiavone è ritenuto non soltanto un killer del gruppo, ma anche contabile ed organizzatore delle estorsioni per conto del clan. Nel 2008 riuscì a sfuggire alla cattura, ma la polizia sequestrò il suo computer nel quale era annotata l'intera contabilità del clan, compresi i nomi di tutti gli imprenditori e commercianti che venivano sottoposti a taglieggiamento. Vincenzo Schiavone è soprannominato "o copertone", per la sua abitudine di "firmare" gli omicidi, dando fuoco al cadavere della vittima, accanto al quale ammassa copertoni d'auto.

Condividi