IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Catturato a Sant'Angelo dei L. il latitante Vincenzo Schiavone

Si trovava in una struttura sanitaria. Il blitz della polizia

Vincenzo Schiavone

(Vincenzo Schiavone)
(Foto: Questura Avellino)

Catturato il boss Vincenzo Schiavone. Gli agenti della squadra mobile di Avellino e del Commissariato di Sant'Angelo dei Lombardi, coordinati dallo Sco, hanno arrestato l'uomo, un 38enne, ritenuto il cassiere del clan dei Casalesi del boss "Sandokan". La brillante operazione è stata compiuta presso una nota struttura sanitaria di Sant'Angelo dei Lombardi, dov'era ricoverato. Vincenzo Schiavone era inserito nella lista dei cento latitanti più pericolosi. Era ricercato dal 2008. Deve rispondere di omicidio, associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione pluriaggravata, ricettazione, porto e detenzione illegale di armi da fuoco. Schiavone è ritenuto non soltanto un killer del gruppo, ma anche contabile ed organizzatore delle estorsioni per conto del clan. Nel 2008 riuscì a sfuggire alla cattura, ma la polizia sequestrò il suo computer nel quale era annotata l'intera contabilità del clan, compresi i nomi di tutti gli imprenditori e commercianti che venivano sottoposti a taglieggiamento. Vincenzo Schiavone è soprannominato "o copertone", per la sua abitudine di "firmare" gli omicidi, dando fuoco al cadavere della vittima, accanto al quale ammassa copertoni d'auto.

Condividi