IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Coronavirus, scuole e Università chiuse fino a sabato. C'è l'ordinanza del Governatore De Luca
Primo caso di Coronavirus in Campania arriva dal Vallo della Lucania, si tratta di una 26enne biologa
Coronavirus, un probabile caso positivo in Campania
Allarme Coronavirus, le raccomandazioni dell'ordine dei Medici di Avellino
Coronavirus, Carlo Sibilia: "Nessuna emergenza in Irpinia"
Coronavirus, allerta in Irpinia: summit in prefettura. Attivo il numero verde
Coronavirus, fake news su facebook: denunciati due serinesi per procurato allarme
La Zeza di Cesinali protagonista ad Avellino alla sfilata dei Carnevali irpini
Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria

 

Cervinara, arrestato un 59enne per ricettazione

Riproduceva e trafficava programmi informatici

Truffa on-line

(Truffa on-line)
(Foto: Lorem Ipse)

Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Cervinara hanno arrestato un 59enne del posto colpito da un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, con il quale i magistrati irpini hanno disposto la detenzione domiciliare per la durata di 4 mesi e la pena pecuniaria di 150 euro come pena residua ancora da scontare. L’uomo, al termine del processo penale celebratosi presso il Palazzo di Giustizia di Avellino, è stato infatti riconosciuto colpevole del reato di ricettazione, in connessione con quelli previsti dalla legge a tutela del diritto d’autore, nella parte in cui punisce penalmente chi abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per computer ed opere dell’ingegno destinate al circuito cinematografico e audiofonico. Sebbene, la sentenza punisca l’uomo con 20 mesi di reclusione e 400 euro di multa, il successivo conteggio basato anche sulle riduzioni intervenute per causa di altre leggi e considerazioni giuridiche, ha abbassato la pena complessiva da dover espiare a 4 mesi, alla quale è stato appunto aggiunto il beneficio della detenzione domiciliare. Al termine delle incombenze di rito e burocratiche, l’uomo è stato riaccompagnato presso la sua abitazione e là assicurato in regime di detenzione domiciliare.

Condividi