IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale

 

Cervinara, arrestato un 59enne per ricettazione

Riproduceva e trafficava programmi informatici

Truffa on-line

(Truffa on-line)
(Foto: Lorem Ipse)

Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Cervinara hanno arrestato un 59enne del posto colpito da un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, con il quale i magistrati irpini hanno disposto la detenzione domiciliare per la durata di 4 mesi e la pena pecuniaria di 150 euro come pena residua ancora da scontare. L’uomo, al termine del processo penale celebratosi presso il Palazzo di Giustizia di Avellino, è stato infatti riconosciuto colpevole del reato di ricettazione, in connessione con quelli previsti dalla legge a tutela del diritto d’autore, nella parte in cui punisce penalmente chi abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per computer ed opere dell’ingegno destinate al circuito cinematografico e audiofonico. Sebbene, la sentenza punisca l’uomo con 20 mesi di reclusione e 400 euro di multa, il successivo conteggio basato anche sulle riduzioni intervenute per causa di altre leggi e considerazioni giuridiche, ha abbassato la pena complessiva da dover espiare a 4 mesi, alla quale è stato appunto aggiunto il beneficio della detenzione domiciliare. Al termine delle incombenze di rito e burocratiche, l’uomo è stato riaccompagnato presso la sua abitazione e là assicurato in regime di detenzione domiciliare.

Condividi