IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Aggressione al carcere di Bellizzi, detenuti in ospedale
Nascondeva la droga nella playstation, nei guai 50enne
Ovini e bovini non registrati presso un'azienda: denunciato il titolare per truffa, ricettazione e falsità in atti
Avellino, appartamento in fiamme a Borgo Ferrovia
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio

 

Cervinara, arrestato un 59enne per ricettazione

Riproduceva e trafficava programmi informatici

Truffa on-line

(Truffa on-line)
(Foto: Lorem Ipse)

Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Cervinara hanno arrestato un 59enne del posto colpito da un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, con il quale i magistrati irpini hanno disposto la detenzione domiciliare per la durata di 4 mesi e la pena pecuniaria di 150 euro come pena residua ancora da scontare. L’uomo, al termine del processo penale celebratosi presso il Palazzo di Giustizia di Avellino, è stato infatti riconosciuto colpevole del reato di ricettazione, in connessione con quelli previsti dalla legge a tutela del diritto d’autore, nella parte in cui punisce penalmente chi abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per computer ed opere dell’ingegno destinate al circuito cinematografico e audiofonico. Sebbene, la sentenza punisca l’uomo con 20 mesi di reclusione e 400 euro di multa, il successivo conteggio basato anche sulle riduzioni intervenute per causa di altre leggi e considerazioni giuridiche, ha abbassato la pena complessiva da dover espiare a 4 mesi, alla quale è stato appunto aggiunto il beneficio della detenzione domiciliare. Al termine delle incombenze di rito e burocratiche, l’uomo è stato riaccompagnato presso la sua abitazione e là assicurato in regime di detenzione domiciliare.

Condividi