IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre
Covid-19, secondo decesso al Moscati
Covid-19, muore al Moscati un altro anziano
Castagne e nocciole in Irpinia, produzione 2020. Agronomi Irpini: "Buona la quantità e la qualità, ma i prezzi ancora troppo bassi"
Furto nel tabacchi, rubati sigarette e "gratta e vinci". Bottino da quantificare

 

Chiusano San Domenico, furto di decine di alveari

Articolata indagine dei carabinieri di Montella. Scoperto responsabile.

Carabinieri in azione

(Carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

A Chiusano San Domenico, negli ultimi tempi, si erano verificati furti di decine di alveari. E' stato individuato il responsabile e denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Montella. L'articolata attività di indagine svolta dai militari rientra nell’ambito di servizi "ad hoc" predisposti dal Comando Provinciale di Avellino finalizzati a prevenire i cosiddetti reati predatori. Le indagini sviluppate dai Carabinieri della Stazione di Chiusano hanno permesso, infatti, di scoprire e smascherare il ladro di 34 arnie asportate da un fondo privato di un anziano apicoltore. Necessaria è stata l’attività info-operativa e l’approfondita conoscenza dell’ambiente e della realtà locale. Tutte le informazioni raccolte hanno permesso di avviare le indagini nella giusta direzione ed arrivare all’individuazione del responsabile. L’accesso all’interno dei terreni di sua proprietà e quelli nella sua disponibilità ha, infine, permesso il recupero delle arnie, immediatamente riconosciute dall’80enne apicoltore, a cui sono state riconsegnate. E’ importante evidenziare che le indagini e la conseguente denuncia in stato di libertà per “furto” del responsabile da parte dei Carabinieri ha, di fatto, interrotto la sua attività, evitando il reiterarsi dei reati, che il più delle volte non viene nemmeno denunciato alle Forze di Polizia. Le Indagini sono state condotte in collaborazione con i Magistrati della Procura della Repubblica di Avellino

Condividi