IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Clandestini, due arresti e due espulsioni

Dai controlli dei carabinieri, gli extracomunitari erano privi del permesso di soggiorno

Carabinieri in azione

(Carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

I carabinieri della Stazione di Avellino e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia capoluogo hanno arrestato due clandestini e altri due stranieri accompagnati ai competenti uffici di immigrazione per l'avvio delle pratiche amministrative relative al loro rimpatrio. L'operazione rientra nell'ambito del servizio coordinato per il controllo dei cittadini stranieri presenti in città e per arginare il diffuso fenomeno dell’immigrazione clandestina. I controlli degli stranieri sono finalizzati a verificare il regolare possesso di un titolo autorizzativo alla permanenza sul suolo italiano. I due stranieri arrestati, un giovane nigeriano, fermato nel pomeriggio di ieri a piazza Kennedy, e un ucraino, sorpreso in via Salvatore Pescatori non erano in possesso di alcun permesso di soggiorno, anzi, erano stati colpiti da altrettanti provvedimenti di espulsioni, rispettivamente firmati dal Prefetto di Salerno e di Avellino, in ottemperanza ai quali avrebbero dovuto lasciare il territorio nazionale entro 5 giorni dalla notifica. Vista la disobbedienza all’ordine prefettizio, i due extracomunitari, dopo l'arresto, sono stati condotti dinanzi ai giudici penali del Tribunale di Avellino per la celebrazione del processo per direttissima.

Condividi