IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica
"Più strisce pedonali ad Avellino per garantire maggiore sicurezza ai cittadini"
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia
Giro di assegni clonati per un valore di 190mila euro, nei guai 10 persone

 

Clandestini, due arresti e due espulsioni

Dai controlli dei carabinieri, gli extracomunitari erano privi del permesso di soggiorno

Carabinieri in azione

(Carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

I carabinieri della Stazione di Avellino e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia capoluogo hanno arrestato due clandestini e altri due stranieri accompagnati ai competenti uffici di immigrazione per l'avvio delle pratiche amministrative relative al loro rimpatrio. L'operazione rientra nell'ambito del servizio coordinato per il controllo dei cittadini stranieri presenti in città e per arginare il diffuso fenomeno dell’immigrazione clandestina. I controlli degli stranieri sono finalizzati a verificare il regolare possesso di un titolo autorizzativo alla permanenza sul suolo italiano. I due stranieri arrestati, un giovane nigeriano, fermato nel pomeriggio di ieri a piazza Kennedy, e un ucraino, sorpreso in via Salvatore Pescatori non erano in possesso di alcun permesso di soggiorno, anzi, erano stati colpiti da altrettanti provvedimenti di espulsioni, rispettivamente firmati dal Prefetto di Salerno e di Avellino, in ottemperanza ai quali avrebbero dovuto lasciare il territorio nazionale entro 5 giorni dalla notifica. Vista la disobbedienza all’ordine prefettizio, i due extracomunitari, dopo l'arresto, sono stati condotti dinanzi ai giudici penali del Tribunale di Avellino per la celebrazione del processo per direttissima.

Condividi