IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Clandestini, due arresti e due espulsioni

Dai controlli dei carabinieri, gli extracomunitari erano privi del permesso di soggiorno

Carabinieri in azione

(Carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

I carabinieri della Stazione di Avellino e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia capoluogo hanno arrestato due clandestini e altri due stranieri accompagnati ai competenti uffici di immigrazione per l'avvio delle pratiche amministrative relative al loro rimpatrio. L'operazione rientra nell'ambito del servizio coordinato per il controllo dei cittadini stranieri presenti in città e per arginare il diffuso fenomeno dell’immigrazione clandestina. I controlli degli stranieri sono finalizzati a verificare il regolare possesso di un titolo autorizzativo alla permanenza sul suolo italiano. I due stranieri arrestati, un giovane nigeriano, fermato nel pomeriggio di ieri a piazza Kennedy, e un ucraino, sorpreso in via Salvatore Pescatori non erano in possesso di alcun permesso di soggiorno, anzi, erano stati colpiti da altrettanti provvedimenti di espulsioni, rispettivamente firmati dal Prefetto di Salerno e di Avellino, in ottemperanza ai quali avrebbero dovuto lasciare il territorio nazionale entro 5 giorni dalla notifica. Vista la disobbedienza all’ordine prefettizio, i due extracomunitari, dopo l'arresto, sono stati condotti dinanzi ai giudici penali del Tribunale di Avellino per la celebrazione del processo per direttissima.

Condividi