IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia

 

Continua la caccia a Michele Rivetti, l'uomo che ha ucciso la moglie

Le ricerche si concentrano in provincia di Caserta

Il luogo dell'omicidio

(Il luogo dell'omicidio)
(Foto: Irpiniareport)

E' caccia all'uomo in tutta la Campania per scovare Michele Rivetti, il 50enne disoccupato di Cervinare che ieri ha freddato la moglie con un colpo di pistola al petto. La sua auto è stata ritrovata in provincia di Caserta. In quella zona si stanno concentrando le ricerche della Squadra Mobile di Avellino, guidata dal dottore Pasquale Picone, e  degli agenti del Commissariato di Cervinara. Elisa Affinita, 40 anni, madre di quattro figli, è stata uccisa intorno alle 13.30 di ieri, appena tornata dal tabacchificio dove lavorava. Forse motivi di gelosia alla base dell'omicidio. Il delitto è avvenuto nel cortile dell'abitazione della coppia, in un rione popolare. A coadiuvare gli agenti nelle ricerche anche un elicottero. Predisposti posti di blocco in tutta la regione. Nel tardo pomeriggio di ieri Rivetti aveva telefonato al figlio maggiore per dirgli di aver abbandonato l'auto nel comune di Cancello. Vani intanto i tentativi dei figli di rimettersi in contatto con il padre per convincerlo a consegnarsi.

Condividi