IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento
Ai domiciliari la 43enne trovata con 11 dosi di cocaina nel reggiseno

 

Continuava a percepire l'indennità di disoccupazione nonostante lavorasse, denunciato 40enne

Intervento dei carabinieri

(Intervento dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri della Compagnia di Baiano)

“Truffa” e “Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, determinata dall’altrui inganno”: sono questi i reati di cui dovrà rispondere un 40enne di Altavilla Irpina, denunciato dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Avellino. Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, quotidianamente impegnati nel capillare controllo del territorio teso a garantire rispetto della legalità finanche sui luoghi di lavoro, ancora troppo sovente scenari di incidenti le cui conseguenze sono rese maggiormente tristi dal fatto che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto di normative e procedure di sicurezza. Nell’ambito di tali servizi, i Carabinieri del N.I.L., unitamente ai colleghi della Stazione di Altavilla Irpina, hanno proceduto al controllo di alcuni cantieri edili ed attività commerciali. In particolare, l’accesso ispettivo ad un opificio di Altavilla Irpina ha permesso di constatare la presenza del 40enne intento ad effettuare prestazioni lavorative. Dai successivi accertamenti è emerso che il soggetto, omettendo la prevista comunicazione all’INPS circa la sua nuova assunzione, continuava a percepire l’indennità NASPI (Nuova assicurazione sociale per l’impiego) da disoccupato. Alla luce delle evidenze emerse a carico del predetto è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Condividi