IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia

 

Detenzione illegale di armi, un arresto e sette denunce

Eseguti controlli dai carabinieri su tutto il territorio irpino

I carabinieri in azione

(I carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

Nella giornata di ieri, i carabinieri della Compagnia di Avellino hanno dato corso ad un servizio coordinato a largo raggio per il controllo circa il regolare possesso e la conforme custodia di armi da fuoco e relativo munizionamento, eseguendo controlli ed ispezioni presso le abitazioni e le pertinenze di soggetti che legittimamente posseggono delle armi comuni da sparo (pistole per difesa personale o fucili da caccia), nonché mediante perquisizioni domiciliari ai danni di persone già gravate da specifici precedenti penali. Al termine del servizio, il bilancio operativo è stato di una persona arrestata e di 7 denunciate a piede libero. L’arresto è stato compiuto dai carabinieri di Montefredane ai danni di un 35enne di Capriglia Irpina, ritenuto responsabile del reato di detenzione illegale di una pistola di provenienza clandestina. Infatti, l’uomo è stato trovato nella disponibilità di una pistola a tamburo, modello revolver 380, del tutto estranea al catalogo nazionale italiano e mai registrata negli archivi di polizia nazionali, quindi provento di un’illegale importazione dall’estero. La pistola, completa anche delle cartucce calibro 38 special, è stata sottoposta a sequestro, mentre l’uomo è stato accompagnato a Bellizzi Irpino, ove permarrà a disposizione dell’autorità giudiziaria. Tra i 7 denunciati, invece, il primo per gravità del reato è un 37enne operaio di Serino, responsabile dell’illegale detenzione di una pistola Smith & Wesson calibro 32, che però era del tutto inefficiente, ormai vecchissima ed in pessimo stato di conservazione. A Summonte, invece, un pensionato del posto è stato denunciato perché, pur avendo da molti anni smarrito il suo fucile da caccia, non ne aveva mai fatto alcuna denuncia. La stessa sorte è poi toccata anche ad un altro pensionato, residente però ad Avellino, responsabile dello smarrimento e della conseguente omessa denuncia dei suoi 2 fucili da caccia. A Solofra, invece, un 40enne è stato denunciato per aver omesso di comunicare all’autorità amministrativa e di pubblica sicurezza il trasferimento delle armi e delle munizioni in suo regolare possesso in occasione del cambio di residenza. Esattamente lo stesso addebito che è stato contestato anche ad un anziano di Ospedaletto d’Alpinolo, anch’egli responsabile dell’omessa custodia di armi e dell’omessa denuncia di trasferimento di armi e munizioni in occasione di cambio di residenza. Infine, sempre ad Ospedaletto d’Alpinolo, due uomini del posto sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino perché entrambi responsabili dell’illegale detenzione di una baionetta e di circa una ottantina di cartucce di vario calibro, pur senza essere possessori di alcuna arma da fuoco.

Condividi