IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violento temporale in Alta Irpinia provoca una frana, chiusa la strada provinciale 143 a Bagnoli
Cade dal ponteggio in un cantiere, operaio 47enne in prognosi riservata
Il neo sindaco di Cervinara Caterina Lengua positivo al Covid-19
Tentano di disfarsi della droga gettandola nel water, in manette due fidanzati
Covid-19 in Campania, torna l'obbligo della mascherina all'aperto. C'è l'ordinanza di De Luca
Una 48enne di Avellino è risultata positiva al Covid-19. Da luglio ad oggi i casi registrati sono 205
Coronavirus, chiuso il Comune di Cervinara. Avviata la sanificazione
Attraverso una mail rubano password e dati personali e gli svuotano il conto corrente
Coronavirus, registrati 6 contagi in Irpinia. Uno ricoverato in ospedale
Covid-19, altri 12 contagi in Irpinia: 2 ad Avellino

 

Dissesto idrogeologico a Moschiano, sopralluoghi e monitoraggio dei carabinieri forestali

Carabinieri Forestali

(Carabinieri Forestali)
(Foto: Irpiniareport)

In visita nel comune di Moschiano sulle aree interessate dagli eventi franosi il Generale di Brigata Ciro Lungo, Comandante della Regione Carabinieri Forestale per la Campania. Unitamente al Ten. Col. Fernando Sileo, Comandante del Gruppo forestale di Avellino ed ai militari della Stazione Carabinieri forestale di Lauro e della Stazione territoriale di Quindici sono state raggiunte le aree montane direttamente interessate dalla ingente frana che si è attivata a seguito delle abbondanti precipitazioni piovose registrate nello scorso mese di dicembre. Nelle giornate del 21 e 22 dicembre 2019 una enorme colata di materiale terroso e fangoso, misto ad alberature forestali si era staccato dal versante denominato “Chianole-Foreste”, riversandosi sulle aree a valle, interessando una stradina comunale nonché il sottostante Regio Lagno “Moschiano” provocandone il riempimento e minacciando così pericolosamente di esondare ed invadere il limitrofo centro abitato. Nel corso del sopralluogo effettuato alla presenza del Presidente del Parco Regionale del “Partenio”, del Sindaco nonché di docenti universitari del Dipartimento di Agraria della Federico II, sono stati effettuati dei campionamenti di suoli ed analizzati i profili delle zone di distacco per individuarne le possibili cause. Si è confermata l’estrema vulnerabilità al dissesto di quelle aree, costituite da suoli di elevata profondità, bassa coesione e suscettibilità alla liquefazione in caso di rilevanti apporti meteorici. L’attività di controllo e di monitoraggio dei Carabinieri forestali continuerà sui territori più esposti della provincia di Avellino per contrastare eventuali pratiche non autorizzate, che possano recare ulteriore pregiudizio alla stabilità dei terreni e contestualmente promuovere il rispetto di pratiche agronomiche ecosostenibili.

Condividi