IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica
"Più strisce pedonali ad Avellino per garantire maggiore sicurezza ai cittadini"
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia

 

Distributori abusivi di gasolio, maxi sequestro della finanza

Denunciati due persone a Montemarano e a Cesinali

L'auto dei finanzieri

(L'auto dei finanzieri)
(Foto: Irpiniareport)

Nell’ambito di un vasto piano d’intervento predisposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, per contrastare le frodi nel settore della commercializzazione dei carburanti per autotrazione, le Fiamme Gialle di Avellino hanno sequestrato, nell’ultima settimana, circa 5 tonnellate di prodotti energetici e denunciato alla magistratura 2 gestori d’impianti di distribuzione carburanti ad uso privato, totalmente abusivi.
Le attività poste in essere dai finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Avellino, agli ordini del Ten. Raffaele Del Vecchio, hanno interessato gli impianti di distribuzione carburanti privati, per verificare l’osservanza delle stringenti normative in essere nel delicato comparto degli oli minerali che, controllo durante, ha invece rivelato la sussistenza di illeciti a rilevanza penale. Sulla scorta di dati e notizie acquisite nel corso di un’intensa attività info-investigativa, effettuata con sopralluoghi ed appostamenti, venivano localizzati in provincia di Avellino, e specificatamente nei comuni di Montemarano e Cesinali, due impianti di distribuzione di carburante irregolari, costituiti da nr. 2 serbatoi, ciascuno di 9.000 litri di capienza, muniti di contalitri e pistola erogatrice, del tutto abusivi.
La constatazione dell’assoluta assenza di autorizzazioni, alla base della costituzione di detti depositi, di particolare rilievo per l’incolumità pubblica per l’alta infiammabilità dei prodotti, non poteva che far scattare l’intervento diretto presso i suddetti impianti, dopo aver identificato i vari titolari delle relative attività ispezionate. Venivano, così, contestate violazioni di natura penale ed amministrativa, scaturenti dalla mancanza di autorizzazione per il deposito di oli minerali all’interno del perimetro aziendale. La pericolosità è maggiormente rimarcata dal fatto che la capacità totale dei distributori, a pieno carico, ammontava a 18.000 litri di prodotto energetico.
L’attività si concludeva con il sequestro di 5.000 litri di gasolio per autotrazione e di 2 impianti di erogazione di carburanti ad uso privato (irregolarmente costituiti), corredati di elettropompa volumetrica, di cisterna e pistola erogatrice. Nei confronti dei titolari delle società, scattava la denuncia per i reati previsti dall’articolo 679 del codice penale (omessa denuncia di materiale esplodente), dall’articolo 16 del Decreto Legislativo nr. 139/2006 (attinente i certificati di prevenzione-incendi), nonché dall’articolo 46 del Decreto Legislativo nr. 81/2008 (tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). In aggiunta alle violazioni penali, sono state contestate anche violazioni amministrative pari a 10.000 euro, in quanto i suddetti responsabili non sono stati in grado di esibire la prescritta autorizzazione comunale per l’attività di distribuzione di carburanti in impianti ad uso privato, in violazione al Decreto Legislativo nr. 32/1998 e della Legge Regionale Campania nr. 6/2006.

Condividi