IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio
Identificato il cadavere nella piscina: si tratta di un pastore. È mistero sulla morte
Cadavere di un uomo rinvenuto nella piscina, choc in una villa
Avellino, ragazzo investito in via Circumvallazione finisce in ospedale
Litiga con la moglie e tenta di darle fuoco con la benzina. In manette 46enne

 

Droga al mercato settimanale, nei guai due ambulanti

Mercato

(Mercato)

In occasione del mercato settimanale, ove confluiscono numerose persone anche dai centri limitrofi, i Carabinieri di Grottaminarda, coadiuvati dai colleghi della Stazione Forestale di Mirabella Eclano hanno posto in essere una serie di capillari controlli durante i quali due giovani, entrambi originari del napoletano e gravati da pregiudizi di polizia, sono stati sorpresi in possesso di modica quantità di hashish per uso personale. Per uno di loro, commerciante ventenne, scattavano altresì le previste contravvenzioni sia per non aver regolarmente assunto il dipendente sia per l’utilizzo di sacchetti monouso per asporto di merce non conformi alle norme vigenti, sottoposti a sequestro unitamente alla citata sostanza stupefacente. Inoltre, attesa l’illiceità della condotta posta in essere che rendeva ingiustificata la loro presenza in quel Comune, gli stessi venivano proposti per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio. Per analogo provvedimento è stato proposto un 40enne anch’egli della provincia di Napoli che, privo di qualsiasi autorizzazione, esponeva al pubblico capi di abbigliamento. La merce è stata sottoposta a sequestro e contestualmente veniva comminata la sanzione amministrativa di oltre 5mila euro prevista per il commercio abusivo.

Condividi