IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Monteforte, tenta di rubare una moto al concessionario. Arrestato 25enne
Trasformano aree boscate in castagneti senza autorizzazione, nei guai in tre
BirrArt Sud, a Cesinali la kermesse dedicata alla birra artigianale campana
Conservatorio “Cimarosa”, la Provincia chiede la revoca dell’ordinanza comunale
Schianto tra moto e furgone, muore una 29enne
In carcere gli aguzzini di un imprenditore di Mercogliano, volevano appropriarsi di un appartamento
Avellino, perquisizioni nelle ville comunali: 45enne sorpreso a spacciare hashish
Si alza il sipario sul Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019, ad Avellino l'evento degli agronomi
Rubano i dati personali di un'anziana e stipulano contratti telefonici, tre denunce
Con l'auto a zig zag sul raccordo, nei guai 43enne di Avellino

 

Droga al mercato settimanale, nei guai due ambulanti

Mercato

(Mercato)

In occasione del mercato settimanale, ove confluiscono numerose persone anche dai centri limitrofi, i Carabinieri di Grottaminarda, coadiuvati dai colleghi della Stazione Forestale di Mirabella Eclano hanno posto in essere una serie di capillari controlli durante i quali due giovani, entrambi originari del napoletano e gravati da pregiudizi di polizia, sono stati sorpresi in possesso di modica quantità di hashish per uso personale. Per uno di loro, commerciante ventenne, scattavano altresì le previste contravvenzioni sia per non aver regolarmente assunto il dipendente sia per l’utilizzo di sacchetti monouso per asporto di merce non conformi alle norme vigenti, sottoposti a sequestro unitamente alla citata sostanza stupefacente. Inoltre, attesa l’illiceità della condotta posta in essere che rendeva ingiustificata la loro presenza in quel Comune, gli stessi venivano proposti per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio. Per analogo provvedimento è stato proposto un 40enne anch’egli della provincia di Napoli che, privo di qualsiasi autorizzazione, esponeva al pubblico capi di abbigliamento. La merce è stata sottoposta a sequestro e contestualmente veniva comminata la sanzione amministrativa di oltre 5mila euro prevista per il commercio abusivo.

Condividi