IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, colta da malore cade sul balcone. Donna in ospedale
Avellino, anziana cade in casa nella notte. Soccorsa dai pompieri
Fiamme nella notte in un appartamento, famiglia evacuata
Scuola, da lunedì in presenza anche la terza della scuola primaria
Macellazione abusiva e ricettazione: sequestro di maiali e oltre 350 chili di insaccati. Nei guai 30enne
Tenta di uccidersi inalando gas di scarico dell'auto, salvato in extremis
Covid-19, due decessi al Moscati
Fiamme in un appartamento, paura in mattinata
Covid-19, aggiornamento contagi: 48 casi positivi. Il maggior numero ad Avella
Avellino: si finge intermediario immobiliare e fitta un appartamento, ma è una truffa

 

È mistero sul decesso del 55enne di Atripalda ritrovato in una pozza di sangue

Controlli dei carabinieri

(Controlli dei carabinieri )
(Foto: Carabinieri)

È giallo sulla morte di Michele Luigi Naccarella, il 55enne ritrovato cadavere in una pozza di sangue nella sua abitazione di Atripalda. La salma è stata sottoposta a sequestro. Domani si svolgerà l'autopsia per capire le cause del decesso e far luce su quanto accaduto. Naccarelli oltre ad un'emorragia interna presentava una profonda ferita alla testa. In quella stessa abitazione, Naccarelli nel gennaio del 2012, uccise la moglie Fabiola Speranza con sette colpi di pistola. Il 55enne venne processato con rito abbreviato e condannato in primo grado a 12 anni di reclusione. In Appello poi la pena fu ridotta a dieci anni di reclusione. Ad oggi gli erano rimasti pochi mesi prima di finire di scontare completamente la sua pena. Ma durante questi anni Naccarelli si era ammalato. Soffriva di una gastrite acuta. Quando è uscito dal carcere è stato anche ricoverato in ospedale per dei controlli, e le sue condizioni di salute non erano delle migliori. Ora la Procura di Avellino sta cercando di far luce su quanto accaduto ieri sera.

Condividi