IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Incidente a Cesinali, si schianta contro un camion. È grave
Chiusano, 26enne aggredito da suocero e cognato
Aiello, trovato in casa agonizzante. Anziano salvato in extremis
Conservatorio Cimarosa, si presenta la nuova stagione
Ariano,sospensione idrica per rottura condotta
56enne di Avellino si toglie la vita in un lido
Alta Velocità, la Provincia alla conferenza di servizi per l’approvazione del progetto della tratta “Apice-Hirpinia”
Avella, sul palco di "Pane Ammore e Tarantella" il noto artista della tammorra Alfio Antico
Avellino, il Colonello Massimo Cagnazzo è il nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri
Finge di essere maresciallo e sottrae 6 mila euro ad un'anziana, in manette truffatore seriale

 

Estrazione di materiale inerte in una cava, scatta il sequestro

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri di Avellino)

I Carabinieri della Compagnia di Baiano hanno proceduto alla notifica di un decreto di sequestro emesso dalla Procura della Repubblica di Avellino a carico di due soggetti, responsabili a vario titolo della gestione di una cava. Tra il mese di giugno 2016 e lo scorso febbraio, i militari della Stazioni di Avella rilevavano un inspiegabile movimento nei pressi di una cava per estrazione e lavorazione di materiale inerte, che sapevano sottoposta a prescrizioni dell’Autorità Giudiziaria con divieto di attività estrattiva: i sospetti trovavano conferma allorquando notavano uscire dalla citata area, due autoarticolati con un enorme carico di materiale inerte (successivamente quantificato in circa 120 tonnellate). Un successivo e più approfondito controllo permetteva di acclarare l’illegale attività posta in essere, in violazione al divieto imposto. Dell’illecita attività estrattiva ne veniva fatta comunicazione all’Autorità Giudiziaria che, condividendo i risultati info-investigativi dei militari operanti, emetteva apposito decreto di sequestro, notificato nella giornata di ieri con contestuale apposizione di sigilli a diversi macchinari e automezzi utilizzati rispettivamente per l’estrazione ed il trasporto del materiale inerte. Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta dai militari del Comando Provinciale, tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

Condividi