IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Minorenne in un centro scommesse, 20mila euro di multa all'agenzia
Nuovo software Cup, stop alle prenotazioni all'Asl. Ecco quando
Barattoli di nutella in lingua araba, scatta il sequestro
Attentati al cantiere, pretendevano un pizzo di 40mila euro. Quattro arresti
Montemiletto, acqua torbida dai rubinetti: il sindaco vieta l'uso
I militari della Caserma Berardi ricevono il sacramento della Cresima
Asl di Avellino, si presenta la rete provinciale Ima (Infarto Miocardico Acuto)
Aree Interne: a Teora confronto con De Mita, Bonomi e Borghi
Anniversario terremoto, a Lioni mostra e convegno su Avellino-Rocchetta
Soldi bonus a 18enni, D'Agostino: "Siano spendibili anche per viaggi d'istruzione"

 

Estrazione di materiale inerte in una cava, scatta il sequestro

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri di Avellino)

I Carabinieri della Compagnia di Baiano hanno proceduto alla notifica di un decreto di sequestro emesso dalla Procura della Repubblica di Avellino a carico di due soggetti, responsabili a vario titolo della gestione di una cava. Tra il mese di giugno 2016 e lo scorso febbraio, i militari della Stazioni di Avella rilevavano un inspiegabile movimento nei pressi di una cava per estrazione e lavorazione di materiale inerte, che sapevano sottoposta a prescrizioni dell’Autorità Giudiziaria con divieto di attività estrattiva: i sospetti trovavano conferma allorquando notavano uscire dalla citata area, due autoarticolati con un enorme carico di materiale inerte (successivamente quantificato in circa 120 tonnellate). Un successivo e più approfondito controllo permetteva di acclarare l’illegale attività posta in essere, in violazione al divieto imposto. Dell’illecita attività estrattiva ne veniva fatta comunicazione all’Autorità Giudiziaria che, condividendo i risultati info-investigativi dei militari operanti, emetteva apposito decreto di sequestro, notificato nella giornata di ieri con contestuale apposizione di sigilli a diversi macchinari e automezzi utilizzati rispettivamente per l’estrazione ed il trasporto del materiale inerte. Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta dai militari del Comando Provinciale, tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

Condividi