IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
"Straordinariamente esseri umani", al Moscati in scena la commedia dei pazienti-attori del reparto di Oncologia
Ricettazione e falsità in scrittura privata, arrestato 55enne
"Quattro quadri", in scena gli studenti delle classi quinte della scuola primaria di Aiello
Amministrative Atripalda, incontro pubblico con i candidati sindaco
Ad Andretta il ricordo del filosofo De Sanctis
"Avellino decoro week", l'appello dell'associazione Ossigeno contro il degrado in città
Atripalda, si alza il sipario su "Il Libro in fiera". Taglio del nastro con Fabio Zavattaro
"Coloriamo Aiello", il vicesindaco Gaeta: "Bellissima mattinata con gli studenti della nostra scuola"
Non mandavano la figlia a scuola, denunciati i genitori
Sfilata di abiti realizzati con materiali di riciclo: successo per la nuova tappa del progetto "Greenopoli" della scuola primaria di Aiello

 

Estrazione di materiale inerte in una cava, scatta il sequestro

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri di Avellino)

I Carabinieri della Compagnia di Baiano hanno proceduto alla notifica di un decreto di sequestro emesso dalla Procura della Repubblica di Avellino a carico di due soggetti, responsabili a vario titolo della gestione di una cava. Tra il mese di giugno 2016 e lo scorso febbraio, i militari della Stazioni di Avella rilevavano un inspiegabile movimento nei pressi di una cava per estrazione e lavorazione di materiale inerte, che sapevano sottoposta a prescrizioni dell’Autorità Giudiziaria con divieto di attività estrattiva: i sospetti trovavano conferma allorquando notavano uscire dalla citata area, due autoarticolati con un enorme carico di materiale inerte (successivamente quantificato in circa 120 tonnellate). Un successivo e più approfondito controllo permetteva di acclarare l’illegale attività posta in essere, in violazione al divieto imposto. Dell’illecita attività estrattiva ne veniva fatta comunicazione all’Autorità Giudiziaria che, condividendo i risultati info-investigativi dei militari operanti, emetteva apposito decreto di sequestro, notificato nella giornata di ieri con contestuale apposizione di sigilli a diversi macchinari e automezzi utilizzati rispettivamente per l’estrazione ed il trasporto del materiale inerte. Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta dai militari del Comando Provinciale, tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

Condividi