IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, appartamento in fiamme a Borgo Ferrovia
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio
Identificato il cadavere nella piscina: si tratta di un pastore. È mistero sulla morte
Cadavere di un uomo rinvenuto nella piscina, choc in una villa
Avellino, ragazzo investito in via Circumvallazione finisce in ospedale

 

Evasione fiscale, controlli a tappeto

184 irregolarità riscontrate dalla Gdf

finanza tabaccai

(finanza tabaccai)
(Foto: fiamme gialle)

A partire dall’inizio dell’anno, il Comando Provinciale di Avellino ha dato un particolare impulso ai servizi in tema di controlli strumentali con l’attuazione di specifici piani operativi onde verificare il corretto assolvimento degli obblighi attinenti l’emissione di ricevuta e scontrino fiscale. In tale contesto, nel quadrimestre appena trascorso, i finanzieri della Compagnia di Avellino, agli ordini del capitano Salvatore Serra, sono stati impegnati nel controllo di ben 312 attività commerciali con la constatazione di 184 irregolarità, nella quasi totalità dei casi riconducibili alla mancata emissione di scontrino e/o ricevuta fiscale. Lo scenario che si presenta sempre ai militari, ha confermato la negativa tendenza da parte di taluni operatori ad omettere il rilascio del previsto documento fiscale, con una incidenza dei rilievi che si è attestata nel quadrimestre gennaio-aprile, intorno al 60% . Ancor più elevate sono le percentuali di irregolarità riscontate dalle Fiamme Gialle in particolari periodo dei saldi, delle festività e in occasione di fiere, a contrasto delle quali vengono effettuati veri e proprio servizi strategici. Evidenti sono state le negatività riscontrate nel periodo delle festività pasquali che, a fronte di un totale di 31 esercizi commerciali controllati, ha portato al rilievo di ben 20 irregolarità riscontrate con una percentuale di violazioni pari al 65% . Maggiormente nel dettaglio, questa è stata la situazione rilevata: Per le violazioni constatate sono previste sanzioni amministrative che vanno da 516,00 a 4.130,00 euro, ma il vero danno economico potrebbe derivare al commerciante o all’artigiano dalla sospensione temporanea della licenza nel caso vengano contestate quattro violazioni in cinque anni. A tal proposito infatti i finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia hanno dato esecuzioni a tre sospensioni temporanee dell’attività per 3 giorni nei confronti di tre esercizi commerciali siti in provincia di Avellino ( San Martino Valle Caudina – Ospedaletto D’Alpinolo e Mercogliano) operanti nel settore della vendita della Ristorazione dei dolciumi e della frutta e verdura per le quali la Direzione Provinciale di Avellino dell’Agenzia delle Entrate ha emesso i decreti di sospensione temporanea. Sono state altresì inviate alla Direzione Provinciale di Avellino dell’Agenzia delle Entrate, altre sette proposte di sospensione temporanea per reiterata mancate emissioni dello scontrino e/o ricevuta fiscale. Sono in corso attività di approfondimento volte a definire le posizioni fiscale dei soggetti sottoposti a controllo.

Condividi