IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Facevano fallire aziende per incassare i profitti: 70 i truffati, 13 gli arresti

Alla Questura la conferenza stampa

La conferenza stampa in Questura

(La conferenza stampa in Questura)
(Foto: Carmine Bellabona)

Gli agenti della Squadra Mobile di Avellino, diretti dal dottore Pasquale Picone, e i colleghi del commissariato di Tivoli, in provincia di Roma, hanno compiuto una operazione per l'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tredici persone accusate di associazione per delinquere, bancarotta fraudolenta, estorsione, truffa aggravata, ricettazione e circonvenzione di incapace. Le persone arrestate, secondo l'accusa, avevano messo in piedi una organizzazione criminale tra Guidonia, Napoli ed Avellino attraverso la quale cannibalizzavano società dopo averle ridotte al fallimento infiltrandosi nei consigli di amministrazione. L'operazione della polizia di Stato è stata chiamata "Malafemmina". Sono settanta i fornitori truffati, per un bottino complessivo di tre milioni di euro.

Condividi