IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale

 

Facevano fallire aziende per incassare i profitti: 70 i truffati, 13 gli arresti

Alla Questura la conferenza stampa

La conferenza stampa in Questura

(La conferenza stampa in Questura)
(Foto: Carmine Bellabona)

Gli agenti della Squadra Mobile di Avellino, diretti dal dottore Pasquale Picone, e i colleghi del commissariato di Tivoli, in provincia di Roma, hanno compiuto una operazione per l'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tredici persone accusate di associazione per delinquere, bancarotta fraudolenta, estorsione, truffa aggravata, ricettazione e circonvenzione di incapace. Le persone arrestate, secondo l'accusa, avevano messo in piedi una organizzazione criminale tra Guidonia, Napoli ed Avellino attraverso la quale cannibalizzavano società dopo averle ridotte al fallimento infiltrandosi nei consigli di amministrazione. L'operazione della polizia di Stato è stata chiamata "Malafemmina". Sono settanta i fornitori truffati, per un bottino complessivo di tre milioni di euro.

Condividi