IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Beccati ad acquistare droga da un ciclista, nei guai due giovani avellinesi
Festa della Birra a Chiusano San Domenico, eccellenze gastronomiche irpine e buona musica
Avellino, furti di Suv in città. S'indaga
Auto sbanda e si ribalta, ferito un 42enne
Crisi Sidigas, Adoc e Federconsumatori: "Attenzione alle truffe"
Perde il controllo dell'auto e finisce nella scarpata, anziano in ospedale
Avellino, forava gli pneumatici e poi derubava gli automobilisti. Arrestato 30enne
Colto da malore, muore in uno stabilimento termale
Due giorni di festa ad Atripalda: Notte Bianca e artisti di strada in via Roma
Estorce denaro a due coniugi per l'acquisto di una casa messa all'asta

 

Facevano fallire aziende per incassare i profitti: 70 i truffati, 13 gli arresti

Alla Questura la conferenza stampa

La conferenza stampa in Questura

(La conferenza stampa in Questura)
(Foto: Carmine Bellabona)

Gli agenti della Squadra Mobile di Avellino, diretti dal dottore Pasquale Picone, e i colleghi del commissariato di Tivoli, in provincia di Roma, hanno compiuto una operazione per l'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tredici persone accusate di associazione per delinquere, bancarotta fraudolenta, estorsione, truffa aggravata, ricettazione e circonvenzione di incapace. Le persone arrestate, secondo l'accusa, avevano messo in piedi una organizzazione criminale tra Guidonia, Napoli ed Avellino attraverso la quale cannibalizzavano società dopo averle ridotte al fallimento infiltrandosi nei consigli di amministrazione. L'operazione della polizia di Stato è stata chiamata "Malafemmina". Sono settanta i fornitori truffati, per un bottino complessivo di tre milioni di euro.

Condividi