IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, 6 casi positivi a Montella. Chiusi negozi, studi professionali e scuole
Schianto all'alba tra due auto, conducenti in ospedale
Fiamme bruciano un'auto a San Potito, s'indaga
Pedone investito a Monteforte da un'auto pirata, è grave in ospedale
Maltempo in Irpinia, la situazione a Monteforte
Rissa nell'area industriale di Flumeri, denunciati 5 imprenditori
Covid-19, aumentano i casi a Cervinara
Cani legati e maltrattati, nei guai un pastore
Atripalda, inaugurata la mostra "La Dogana nella dogana"
Mercogliano, si aggirava intorno a un negozio con ascia e roncola. Fermato 40enne

 

Falsi annunci su facebook per ottenere finanziamenti. Scoperti i truffatori

Computer

(Computer)
(Foto: Irpiniareport)

Sono stati smascherati grazie alle indagini condotte dai Carabinieri della Stazione di Caposele. Si tratta di una 40enne della provincia di Pisa e di un 55enne della provincia di Verona che, dopo aver pubblicato su Facebook l’annuncio per ottenere velocemente finanziamenti a tassi agevolatissimi, venivano contattati da una giovane casalinga. Con artifizi e raggiri riuscivano così a conquistare la fiducia della donna che, a fronte di un prestito di 10mila euro, la convincevano a farsi accreditare, mediante versamenti su carta prepagata a loro intestata, circa 750 euro, necessari per “istruire la pratica”. Ma, ricevuto il denaro, i malfattori si rendevano irreperibili. Solo a questo punto la vittima non aveva più alcun dubbio del raggiro in cui era incappata e non esitava a denunciare l’accaduto. Le indagini condotte dai Carabinieri consentivano di risalire all’identità dei due soggetti che, alla luce delle evidenze emerse, sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Si ricordano ancora una volta gli utili consigli riportati con l’iniziativa “Difenditi dalle truffe”, nata per forte volontà dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino ed attuata in modo capillare sul territorio da parte di tutti i reparti dipendenti, per la specifica prevenzione di tale reato predatorio. È importante saper riconoscere le situazioni più a rischio e, di conseguenza, i comportamenti da assumere, diffidando sempre da offerte oltremodo convenienti.

Condividi