IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Liceo “Mancini” di Avellino, assegnati i locali per il trasferimento delle attività scolastiche
Si spaccia per giornalista gastronomico e truffa un ristoratore, denunciato
Al Tilt di Avellino si presenta "Il tocco dello spaghetto", il fumetto della Chiesa Pastafariana Italiana
Al via il "Mercatino di Natale", casette al Corso e luminarie nelle vie della città
Fuochi pirotecnici illegali, maxi sequestro a Solofra
Videosorveglianza senza autorizzazione e lavoratori in nero, 15mila euro di multa ad un negoziante di Atripalda
Auto di lusso e immobili, sequestro da un milione di euro ad un imprenditore edile
Dolore e lacrime a Vallata ai funerali del 14enne morto per un colpo di pistola alla testa
Non ce l'ha fatta il fotografo investito a Grottaminarda
Malore per il Presidente Gambacorta, migliorano le sue condizioni

 

Falsi medici scoperti ad Avellino e Mugnano, due denunce

Un ambulatorio

(Un ambulatorio)
(Foto: Irpiniareport)

Prosegue l’attività dell’Arma dei Carabinieri che, in stretta collaborazione con i Reparti Speciali, si adopera anche al fine di contrastare l’esercizio abusivo delle professioni sanitarie, a tutela della Salute dei cittadini. In questo ambito si collocano una serie di operazioni effettuate dai Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Salerno, che, in piena sinergia con i militari delle Compagnie Carabinieri di Avellino e Baiano, hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria due persone. Gli operanti, a parziale conclusione di indagini, hanno dato esecuzione a due decreti emessi dalla Procura della Repubblica di Avellino che, condividendo le risultanze investigative, disponeva la perquisizione domiciliare nei confronti di due soggetti ritenuti responsabili di esercizio abusivo della professione sanitaria. Nello specifico scattava la denuncia per una 35enne di Avellino ed un 68enne di Mugnano del Cardinale che, senza alcun titolo abilitante, esercitavano professioni mediche. Al termine delle operazioni veniva sottoposta a sequestro documentazione varia e supporti informatici utili a suffragare le ipotesi investigative.

Condividi