IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Beccati ad acquistare droga da un ciclista, nei guai due giovani avellinesi
Festa della Birra a Chiusano San Domenico, eccellenze gastronomiche irpine e buona musica
Avellino, furti di Suv in città. S'indaga
Auto sbanda e si ribalta, ferito un 42enne
Crisi Sidigas, Adoc e Federconsumatori: "Attenzione alle truffe"
Perde il controllo dell'auto e finisce nella scarpata, anziano in ospedale
Avellino, forava gli pneumatici e poi derubava gli automobilisti. Arrestato 30enne
Colto da malore, muore in uno stabilimento termale
Due giorni di festa ad Atripalda: Notte Bianca e artisti di strada in via Roma
Estorce denaro a due coniugi per l'acquisto di una casa messa all'asta

 

Falsificavano i congegni per il controllo della velocità. Blitz a Montoro

La polizia stradale di Avellino ha denunciato una persona

La Questura di Avellino

(La Questura di Avellino)
(Foto: Carmine Bellabona)

La Sezione Polizia Stradale di Avellino, diretta da Alessandro Salzano, con il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria, al Comando del Sovrintendente Luigi De Prizio, di concerto con l’Ufficio Verbali della Sezione Polizia Stradale Comandato dall’Isp.C. Arvonio Donato, ha organizzato un servizio specifico per la prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro. Nella mattinata di ieri è stato eseguito controllo specifico ad una ditta di autotrasporti di Montoro Inferiore perché a seguito la Sezione Polizia Stradale di Catanzaro aveva rinvenuto, su un camion della predetta azienda, in transito nel territorio di propria competenza, dispositivo-congegno elettronico che falsificava le registrazioni del cronotachigrafo. Nel corso del controllo operato nell’area di parcheggio dell’azienda, sita in Montoro Inferiore, sono stati controllati numerosi veicoli pesanti e su tre di essi sono stati trovati installati congegni elettronici utili alla registrazione fasulla dei dati inerenti le attività dei camion e dei loro autisti (velocità, ora di guida e chilometri percorsi). I congegni elettronici venivano sottoposti a sequestro, il titolare della ditta D.A.F. di anni 53, veniva deferito all’A.G. per inottemperanza all’art. 437 c.p.; omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. La Squadra di Polizia Giudiziaria, Comandata dal Sov. De Prizio Luigi, da tempo ha monitorato il grave fenomeno in quanto le registrazioni dei cronotachigrafi dei mezzi pesanti, fatte in modo fraudolento, sono causa di sinistri stradali che il più delle volte si mutano in vere e proprie stragi.

Condividi