IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Finanza, si è spento il maresciallo Giacomo Caruso

Giacomo Caruso

(Giacomo Caruso)
(Foto: Irpiniareport)

Alle 5 della sera di ieri, presso il Policlinico "Agostino Gemelli" di Roma, si è spento il maresciallo aiutante Giacomo Caruso. Nato a Niscemi (Caltanissetta) l'11 marzo del 1967, è stato sopraffatto da un male incurabile che l'ha strappato all'affetto dei suoi cari e dei colleghi della Tenenza di Sant'Angelo dei Lombardi (ove prestava servizio dal 1993) e del Comando Provinciale tutto. Lascia il figliolo Julien di 11 anni e la signora Anna, che con forza e coraggio e determinazione è stata accanto al marito sino al suo ultimo respiro. Se le procedure burocratiche potranno esser concluse nella serata odierna, le esequie si terranno alle ore 16.00 di domani, 30 aprile 2011, presso la Chiesa Madre di Lioni (AV), cittadina irpina ove il militare aveva eletto domicilio (via Ronca nr. 49 - 83047 Lioni). In caso contrario tutto è spostato a domenica 1° maggio, con medesime modalità. Nell'unirmi al dolore della famiglia, voglio partecipare la vicinanza di tutte le Fiamme Gialle di Avellino che hanno visto in Giacomo un amico prima che un collega: chi gli è stato vicino mi ha chiesto di segnalare come nel suo caso non sia vero che l'importanza delle persone si realizza solo dopo la loro dipartita: il suo Comandante, i colleghi della Tenenza e tutti coloro che l'hanno conosciuto mi hanno testimoniato come siano sempre stati consapevoli della fortuna d'averlo accanto tutti i giorni, nella quotidianità dell'ufficio come nei momenti di svago sul campo di calcetto.

Condividi