IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Finanza, si è spento il maresciallo Giacomo Caruso

Giacomo Caruso

(Giacomo Caruso)
(Foto: Irpiniareport)

Alle 5 della sera di ieri, presso il Policlinico "Agostino Gemelli" di Roma, si è spento il maresciallo aiutante Giacomo Caruso. Nato a Niscemi (Caltanissetta) l'11 marzo del 1967, è stato sopraffatto da un male incurabile che l'ha strappato all'affetto dei suoi cari e dei colleghi della Tenenza di Sant'Angelo dei Lombardi (ove prestava servizio dal 1993) e del Comando Provinciale tutto. Lascia il figliolo Julien di 11 anni e la signora Anna, che con forza e coraggio e determinazione è stata accanto al marito sino al suo ultimo respiro. Se le procedure burocratiche potranno esser concluse nella serata odierna, le esequie si terranno alle ore 16.00 di domani, 30 aprile 2011, presso la Chiesa Madre di Lioni (AV), cittadina irpina ove il militare aveva eletto domicilio (via Ronca nr. 49 - 83047 Lioni). In caso contrario tutto è spostato a domenica 1° maggio, con medesime modalità. Nell'unirmi al dolore della famiglia, voglio partecipare la vicinanza di tutte le Fiamme Gialle di Avellino che hanno visto in Giacomo un amico prima che un collega: chi gli è stato vicino mi ha chiesto di segnalare come nel suo caso non sia vero che l'importanza delle persone si realizza solo dopo la loro dipartita: il suo Comandante, i colleghi della Tenenza e tutti coloro che l'hanno conosciuto mi hanno testimoniato come siano sempre stati consapevoli della fortuna d'averlo accanto tutti i giorni, nella quotidianità dell'ufficio come nei momenti di svago sul campo di calcetto.

Condividi