IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Minorenne in un centro scommesse, 20mila euro di multa all'agenzia
Nuovo software Cup, stop alle prenotazioni all'Asl. Ecco quando
Barattoli di nutella in lingua araba, scatta il sequestro
Attentati al cantiere, pretendevano un pizzo di 40mila euro. Quattro arresti
Montemiletto, acqua torbida dai rubinetti: il sindaco vieta l'uso
I militari della Caserma Berardi ricevono il sacramento della Cresima
Asl di Avellino, si presenta la rete provinciale Ima (Infarto Miocardico Acuto)
Aree Interne: a Teora confronto con De Mita, Bonomi e Borghi
Anniversario terremoto, a Lioni mostra e convegno su Avellino-Rocchetta
Soldi bonus a 18enni, D'Agostino: "Siano spendibili anche per viaggi d'istruzione"

 

Fuggono con la cocaina, scatta l'inseguimento

Nei guai 4 giovani

I carabinieri di Monteforte Irpino

(I carabinieri di Monteforte Irpino)
(Foto: Irpiniareport)

I carabinieri della Compagnia di Baiano, nell’ambito dei predisposti servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno denunciato in stato di libertà quattro persone ritenute responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico, i militari dell’Aliquota Radiomobile, nel corso di specifica attività di controllo del territorio, hanno notato un’autovettura che, alla vista della “Gazzella” effettuava una manovra improvvisa per sottrarsi al controllo. Quell’azione non è sfuggita ai militari che dopo un breve inseguimento sono riusciti a fermare l’auto sospetta con a bordo tre uomini ed una donna. L’immediata perquisizione personale e veicolare, ha permesso agli operanti di rinvenire e sottoporre a sequestro tre dosi di eroina, tre di crac, due di cocaina nonché delle siringhe monouso. I quattro, dell’età compresa tra i 25 ed i 45 anni, di cui due di Monteforte Irpino e due provenienti dalla limitrofa provincia di Napoli, sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo. Inoltre, attesa l’illiceità della condotta posta in essere che rendeva ingiustificata la loro presenza in quel Comune, gli stessi venivano proposti per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Condividi