IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Da oggi riaprono gli scavi archeologici di Mirabella Eclano
Avellino, obbligo della mascherina al Corso da oggi fino a lunedì. Multa da 400 euro per i trasgressori
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia

 

Furti e truffa, due arresti

Un 31enne e un 56enne irpini sono stati bloccati dalla Squadra Mobile di Avellino per diversi furti e truffa compiuti nel capoluogo

La volante della Polizia

(La volante della Polizia)
(Foto: Carmine Bellabona)

Un giovane di 31 anni, irpino, è stato denunciato in stato di libertà dagli agenti della Sezione Volanti perché responsabile di aver compiuto diversi furti presso strutture ospedaliere e cliniche private del capoluogo. Il provvedimento è scaturito a seguito di indagini che hanno consentito di acclarare con certezza che il 31enne, tra l’altro con numerosi precedenti si era reso responsabile dei furti commessi presso le suindicate strutture. Inoltre, la Squadra Mobile di Avellino, coadiuvata dagli agenti del Commissariato di Ariano irpino, hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un 56enne residente in Provincia, responsabile del reato di truffa ed appropriazione indebita. Nella circostanza l’uomo, con a carico numerosi precedenti penali, intestatario di un’impresa edile aveva acquistato due escavatori pagando con assegni non coperti, in quanto il conto corrente dal quale sarebbe dovuta avvenire la transazione bancaria era stato già chiuso in un periodo antecedente la data dell’emissione dei titoli. I mezzi meccanici venivano pertanto rinvenuti e sottoposti a sequestro amministrativo.

Condividi