IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, nessun allarme meningite all'istituto "Enrico Cocchia". La nota dell'Asl
Finge di essere stata investita da un'auto pirata per truffare l'assicurazione, denunciata
Maxi sequestro di prodotti fitosanitari in un negozio, sospesa la vendita. Sanzione da 10mila euro
Mascarata Serinese, Carnevale Princeps Irpino e Trekking in Maschera: ecco il programma
Incidente sull'Ofantina, ferite due donne. Strada chiusa
Avellino, tre nuove farmacie apriranno in città
Serino, fa irruzione nella caserma e aggredisce i carabinieri. Arrestato immigrato
Schianto sull'Ofantina, tre feriti gravi
Avellino, sferra un pugno al carabiniere per sottrarsi al controllo. In manette 23enne
Avellino, palpeggia ragazza a bordo del bus. Arrestato 50enne

 

Giovane accoltellato in strada, arrestato l'aggressore. Si tratta di un 41enne di Montefredane

Il coltello sequestrato dai carabinieri

(Il coltello sequestrato dai carabinieri)
(Foto: Carabinieri della Compagnia di Avellino)

I Carabinieri della Stazione di Montefredane, unitamente ai colleghi della Sezione Radiomobile della Compagnia di Avellino, hanno tratto in arresto un 41enne del luogo ritenuto responsabile dei reati di tentato omicidio, lesioni personali aggravate nonché porto di armi od oggetti atti ad offendere. I fatti sono accaduti a Montefredane nella nottata di ieri, allorquando un 25enne del posto veniva aggredito sulla pubblica via: trasportato al “Moscati”, veniva giudicato con una decina di giorni di prognosi per ferite da arma da taglio alla testa ed alla mano. I Carabinieri, immediatamente intervenuti, rinvenivano sul posto il grosso coltello utilizzato nell’aggressione, che si presentava spezzato all’altezza del manico. L’indagine volta ad individuare il responsabile si è subito rivelata assolutamente frenetica ed incisiva. Attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché l’analisi di utili elementi raccolti in sede di sopralluogo, i Carabinieri sono riusciti ad individuare il presunto responsabile: si tratta di un soggetto già noto alle Forze dell’Ordine, gravato da precedenti di polizia principalmente per reati contro la persona il quale, per futili motivi, attraverso uno scambio di whatsapp sfidava il giovane compaesano sulla pubblica via ove, dopo l’animata discussione, lo colpiva con il coltello. E subito dopo, alla guida del suo veicolo avrebbe anche tentato di investire il ferito. Rintracciato presso la sua abitazione, il soggetto veniva condotto in Caserma e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, tratto in arresto ed associato alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

Condividi