IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, picco in Irpinia: registrati 174 contagi, 42 solo a Calitri
Tir perde il controllo e si ribalta, ferito l'autista
Sequestro di hashish, marijuana e crack: nei guai 13 giovani
Sale giochi: centinaia di agenzie sequestrate, oltre 200 denunce e 300 siti oscurati
Bomba rinvenuta tra i castagneti a Solofra, rimossa e fatta brillare
Pietrastonina, al via il Concorso a Premi per bambini promosso dal prefetto Piantedosi
Covid-19, registrati oltre 2mila casi in Campania: si va verso la zona rossa
Preso il ladro del supermercato di Montoro,  incastrato dalle telecamere
Atripalda, rapina al supermercato: è caccia all'uomo armato di coltello
Schianto tra due auto, una si ribalta. Feriti un 39enne e un 70enne

 

Giovane atripaldese arrestato per rapina

Commise il colpo alcuni anni fa

auto carabinieri

(auto carabinieri)

I carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino nei confronti di B.A., classe 1977, residente in contrada Alvanite ad Atripalda, nullafacente e pregiudicato, dovendo egli scontare un residuo pena pari a 2 anni, 11 mesi e 10 giorni di reclusione per una rapina in concorso commessa proprio ad Atripalda in data 19 gennaio 2002. L’uomo, che in realtà non è più residente ad Atripalda ma è migrato verso Pomigliano d’Arco, dovrà quindi scontare la parte finale di una condanna a complessivi 6 anni di reclusione, dalla quale la magistratura ha però dovuto sottrarre la parte che già è stata scontata a titolo di misura cautelare (quasi 5 mesi di carcere), nonché i benefici derivati dalla famosa legge sull’indulto, che ha così ridotto ulteriormente la pena da 5 anni e mezzo ai quasi 3 anni detti prima. Al termine delle operazioni, l’arrestato è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Avellino – Bellizzi Irpino, ove dovrà trascorrere i prossimi anni, come disposto dall’autorità giudiziaria che ha emesso il provvedimento di esecuzione per la carcerazione.

Condividi