IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Truffe agli anziani irpini, arrestato 43enne di Napoli
SuperEnalotto, centrato un 5 a Mercogliano
Volturara Irpina, sono 72 i contagiati da Covid-19 a "Villa Clementina"
Covid-19, aggiornamento contagi: 137 positivi. Allarme a Sturno e Candida
Sequestrata marijuana a Nusco, nei guai 4 giovani. Uno è minorenne
Covid-19, anziana muore dopo poche ore dal ricovero. È la 19esima vittima in Irpinia
Sequestro di armi a Montemarano, denunciato un 70enne
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl

 

Guidava uno scooter rubato: nei guai un giovane di Atripalda

I carabinieri della locale stazione lo hanno sorpreso durante un controllo

I carabinieri in azione

(I carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

I carabinieri della Stazione di Atripalda hanno concluso gli accertamenti conseguenti ad un normale controllo della circolazione stradale, deferendo in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Napoli un giovanissimo del posto, ritenuto responsabile del reato di ricettazione. Il tutto nasce da un normalissimo controllo alla circolazione stradale effettuato lungo le vie del centro di Atripalda, nel corso del quale i militari dell’Arma avevano appunto fermato il giovane perché privo del casco protettivo. Da un successivo controllo sul ciclomotore che stava inforcando, però , i militari si accorsero subito che qualcosa non quadrava. Sono quindi iniziati una serie di accertamenti sul motorino, già comunque sottoposto a fermo per la guida senza casco, che hanno portato a scoprire che il giovane si trovava a bordo di uno scooter rubato, tant’è che il numero di telaio del veicolo a due ruote risultava inserito alla banca dati delle forze di polizia quale provento di un furto perpetrato nell’area vesuviana. Non solo, perché anche il contrassegno identificativo, altrimenti detto targhino, non corrispondeva assolutamente a nessun documento, perché anch’esso provento di un altro furto, perpetrato in danno di un uomo di Atripalda. Per questi motivi, il giovanissimo cittadino atripaldese è stato deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria minorile per il reato di ricettazione.

Condividi