IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

"Il Vescovo di Avellino le regala questa statua", 75enne di Aiello del Sabato mette in fuga il truffatore

Controlli dei carabinieri ad Aiello del Sabato

(Controlli dei carabinieri ad Aiello del Sabato)
(Foto: Carabinieri)

I Carabinieri della Compagnia di Avellino sono intervenuti ad Aiello del Sabato a seguito di segnalazione da parte di un'anziana, vittima di un tentativo di truffa: riferiva che poco prima si era presentato a casa sua un uomo sulla cinquantina il quale, asserendo di essere un corriere, le chiedeva 48 euro per la consegna di una statuina da parte del Vescovo. La 75enne, che non aveva mai richiesto tale articolo, ricordando i suggerimenti dell’Arma con l'iniziativa “Difenditi dalle truffe”, non esitava a rifiutare la consegna del pacco. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri che consigliano di non fidarsi a prescindere quando si viene contattati soprattutto per consegnare del denaro e, in particolare: non aprire a sconosciuti; non tenere in casa oggetti preziosi o denaro; se si utilizza internet non fornire le proprie credenziali o dati bancari; non farsi distrarre per strada da sconosciuti; creare un buon vicinato; non fare confidenze al telefono; non farsi raggirare da un semplice tesserino di riconoscimento; ricordarsi di contattare, nell'immediatezza di qualsiasi tentativo di adescamento, il pronto intervento “112” o recarsi personalmente presso il Comando Stazione Carabinieri competente per territorio.

Condividi