IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl
Avellino, fuoco ai cassonetti dei rifiuti. Danni a un'auto e alla facciata del palazzo
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre

 

Impianto hi-fi a prezzo conveniente, scoperta la truffa on line

Computer

(Computer)
(Foto: Irpiniareport)

Prosegue incessante l’attività dell’Arma per impedire la consumazione di truffe in genere. Dopo l’azione di contrasto eseguita con l’iniziativa del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino “DIFENDITI DALLE TRUFFE”, la Compagnia Carabinieri di Avellino ha proceduto a deferire all’Autorità Giudiziaria numerosi soggetti responsabili di truffe di vario genere ed in particolare per truffe on-line. E proprio per quest’ultima tipologia di reato, i militari della Stazione di Avellino, prendendo spunto da una denuncia contro ignoti, iniziavano immediatamente un’attività investigativa all’esito della quale deferivano alla competente Autorità Giudiziaria un 30enne di Atripalda. Nel corso delle accurate indagini, sono emersi inconfutabili elementi di reità nei confronti del predetto che aveva fraudolentemente pubblicato su un noto sito online la vendita di costosi componenti per l’impianto hi-fi per la casa, ad un prezzo oltremodo vantaggioso. L’acquirente convinto si trattasse di una buon affare non esitava a versare la somma pattuita, mediante ricarica carta prepagata. Ma una volta incassato il denaro il “venditore” faceva perdere le proprie tracce. Identificato in malfattore, già noto alle Forze dell’Ordine per analoghi reati, i militari procedevano dunque a deferirlo in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino poiché ritenuto responsabile di truffa on-line.

Condividi