IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia
Giro di assegni clonati per un valore di 190mila euro, nei guai 10 persone
Imprenditore tenta di togliersi la vita impiccandosi, salvato in extremis da un 16enne
Atripalda, scoppia la rissa in un bar di via Appia. Denunciati in tre
Ritrovata nella notte Lidia Famiglietti, la 16enne scomparsa ieri da Ariano Irpino

 

Impiegava lavoratori in neri, chiusa una pizzeria

Controlli dei carabinieri nei locali

(Controlli dei carabinieri nei locali)
(Foto: Carabinieri)

I Carabinieri della Compagnia di Baiano, nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, hanno proceduto ad ispezionare svariati esercizi commerciali del Vallo di Lauro, riscontrando che la maggior parte di essi rispettano le normative vigenti. Nell’ambito di tali servizi, i Carabinieri della Stazione di Marzano di Nola, unitamente a personale dell’Ispettorato del Lavoro di Avellino, all’esito di un controllo eseguito ad una pizzeria, hanno segnalato alla competente Autorità il titolare dell’esercizio, ritenuto responsabile di avere alle proprie dipendenze un lavoratore “in nero”. A seguito di quanto riscontrato, oltre alla “maxi-sanzione per il lavoro irregolare” è scattata la proposta per la sospensione dell’attività commerciale, per l’impiego di lavoratori privi di regolare assunzione in misura superiore alla soglia del venti percento del totale delle rispettive maestranze fissata dalla normativa vigente. Tali controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni nell’intera provincia.

Condividi