IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica

 

In giro con coltello e tirapugni, nei guai 25enne

Il coltello e il tirapugni sequestrati dai carabinieri

(Il coltello e il tirapugni sequestrati dai carabinieri)
(Foto: Carabinieri Comando Provinciale Avellino)

I Carabinieri della Stazione di Bonito hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria un 25enne, ritenuto responsabile di porto abusivo di armi od oggetto atti ad offendere. Questa notte, a Bonito, durante un servizio finalizzato a garantire sicurezza e rispetto della legalità, la pattuglia della locale Stazione procedeva al controllo del giovane fermato alla guida di un’autovettura. Insospettiti dall’inspiegabile nervosismo manifestato dal predetto, i Carabinieri hanno approfondito l’accertamento. E all’esito della perquisizione, nell’abitacolo del veicolo gli operanti hanno rinvenuto un coltello a serramanico ed un noccoliere. Alla luce delle evidenze emerse, per il 25enne -che, opportunamente interpellato, non era in grado di fornire una valida giustificazione in merito al porto degli oggetti rinvenuti- è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento per il reato di cui all’articolo 4 della legge 18 aprile 1975, n. 110. Noccoliere e coltello sottoposti a sequestro.

Condividi