IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

In permesso premio dal carcere, commette estorsione ad un bar

Ha chiesto la tangente e ha consumato bevande senza mai pagare

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Stamane i carabinieri della Stazione di Avellino hanno deferito in stato di libertà un noto pluripregiudicato del posto per aver commesso un'estorsione ai danni di un bar-caffetteria del centro. L'uomo, attualmente sottoposto alla misura di sicurezza personale detentiva della casa di lavoro presso il carcere di Sulmona (AQ), durante il periodo pasquale si trovava ad Avellino per fruire del permesso premio concessogli dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale de L’Aquila. Il pregiudicato si intratteneva per molto tempo all'interno del bar consumando bevande e alimenti senza mai pagare nulla e ha tentato di estorcere ulteriori somme di denaro al commerciante, chiedendogli una tangente e minacciandolo di distruggergli ili locale. Sulla base di quanto sopra i militari dell’Arma di Avellino non solo hanno provveduto a deferire in stato di libertà il pregiudicato, ora rientrato a Sulmona, ma hanno chiesto al giudice di Sorveglianza l’aggravamento della misura personale a carico dell’uomo, nonché la revoca di ogni tipo di permesso o licenza.

Condividi