IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

In permesso premio dal carcere, commette estorsione ad un bar

Ha chiesto la tangente e ha consumato bevande senza mai pagare

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Stamane i carabinieri della Stazione di Avellino hanno deferito in stato di libertà un noto pluripregiudicato del posto per aver commesso un'estorsione ai danni di un bar-caffetteria del centro. L'uomo, attualmente sottoposto alla misura di sicurezza personale detentiva della casa di lavoro presso il carcere di Sulmona (AQ), durante il periodo pasquale si trovava ad Avellino per fruire del permesso premio concessogli dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale de L’Aquila. Il pregiudicato si intratteneva per molto tempo all'interno del bar consumando bevande e alimenti senza mai pagare nulla e ha tentato di estorcere ulteriori somme di denaro al commerciante, chiedendogli una tangente e minacciandolo di distruggergli ili locale. Sulla base di quanto sopra i militari dell’Arma di Avellino non solo hanno provveduto a deferire in stato di libertà il pregiudicato, ora rientrato a Sulmona, ma hanno chiesto al giudice di Sorveglianza l’aggravamento della misura personale a carico dell’uomo, nonché la revoca di ogni tipo di permesso o licenza.

Condividi