IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Schianto frontale sull'Ofantina, due feriti
Arrestato sull'Ofantina dopo inseguimento, in auto aveva 19 dosi di eroina
Serino, si appropria di un portafoglio con 1200 euro. Denunciato 60enne
Carne di agnello in cattivo stato, sequestro in una macelleria. Nei guai il titolare
Cumulo di rifiuti speciali presso un'officina, denunciato il titolare
Calci e pugni ad un cliente del bar, arrestato 50enne
Furti in abitazione, sgominata banda di ladri. Arrestati tre avellinesi
Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione
Avellino, fuga di gas in un palazzo. Paura in via Roma
Rottura condotta idrica, diversi Comuni irpini senz'acqua, Anche Avellino e Atripalda

 

Invasione di terreni e danneggiamenti, denunciato un allevatore

Un gregge

(Un gregge)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione di Paternopoli hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un 40enne ritenuto responsabile dei reati di Invasione di terreni e Danneggiamento. Continua incessante in Irpinia l’attività dei Carabinieri volta alla tutela della legalità e della sicurezza pubblica, anche nella forma del contrasto al fenomeno degli animali vaganti che costituisce un serio problema, per le molteplici conseguenze in termini di danni alla proprietà privata, di pubblica incolumità (essendo non di rado causa di incidenti) e, non in ultimo, di igiene e sanità pubbliche. A seguito di comunicazione al “112” da parte di un automobilista che segnalava a Paternopoli la presenza di alcune pecore sulla carreggiata, la pattuglia della locale Stazione, già impegnata in quell’area nell’ambito di un servizio perlustrativo disposto dal Comando Provinciale di Avellino, prontamente interveniva constatando che un allevatore di bestiame aveva introdotto abusivamente il suo gregge in un fondo agricolo di proprietà privata, permettendone il pascolo. Alla luce delle risultanze emerse dai successivi accertamenti, per il 40enne è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Condividi