IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Asd Taekwondo Avellino, bronzo per Mattia Argenio ai Campionati Italiani di Ancona
Ruba 300 euro a un cliente e fugge, denunciato fruttivendolo ambulante
Cameriere spacciatore beccato dal fiuto del cane Gero
Si rifiutano di pagare il biglietto e aggrediscono l'autista, denunciati in tre
Insolvenza fraudolenta, arrestato anziano di Monteforte
Ubriaco sorpreso con droga e mazza da baseball, nei guai 28enne
Avellino, al via la messa in sicurezza di via Acciani. Sciscio: "Monitoraggio costante delle infrastrutture cittadine"
Furti ad Avellino, in azione serbi e rumeni. Prese tre bande
IIA, Uliano (Fim-Cisl): "Inaccettabile il ricatto salariale"
Cesinali sfiora il jackpot, vinti 60mila euro al SuperEnalotto

 

Lacedonia, a caccia con richiami vietati. Denunciato 55enne

Il sequestro dei carabinieri forestali

(Il sequestro dei carabinieri forestali)
(Foto: Carabinieri Forestali)

Prosegue l’attività del Gruppo Carabinieri Forestale di Avellino, finalizzata a garantire sicurezza e rispetto della legalità, che ha predisposto mirati servizi anche per la verifica del rispetto dei regolamenti che disciplinano l’attività venatoria, in particolare connessa al bracconaggio, al maltrattamento di animali nonché alla corretta custodia, porto e impiego delle armi da sparo. Nell’ambito di tali controlli, confortati dalla proficua attività informativa e da alcuni spunti investigativi derivanti dall’approfondita conoscenza dell’ambiente e della realtà locali, i Carabinieri della Stazione Forestale di Lacedonia hanno deferito in stato di libertà un 55enne della provincia di Salerno. Nello specifico, in località montana di Lacedonia, i militari operanti hanno sorpreso il predetto, accovacciato in atteggiamento di caccia, in possesso di un fucile ed un amplificatore a batteria riproducente il cinguettio di volatili. Alla luce delle evidenze emerse, a carico del 55enne nocerino è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Avellino in quanto ritenuto responsabile dell’esercizio di attività venatoria mediante l’utilizzo di richiami acustici vietati della legge. Il fucile, il munizionamento e l’illegale dispositivo elettronico sono stati sottoposti a sequestro.

Condividi