IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Rissa nell'area industriale di Flumeri, denunciati 5 imprenditori
Covid-19, aumentano i casi a Cervinara
Cani legati e maltrattati, nei guai un pastore
Atripalda, inaugurata la mostra "La Dogana nella dogana"
Mercogliano, si aggirava intorno a un negozio con ascia e roncola. Fermato 40enne
Furto al supermercato di Monteforte, denunciata una 50enne
Furto all'istituto Amabile di Avellino, s'indaga
I militari della Caserma Berardi in gara per la solidarietà: successo ad Avellino per la staffetta nazionale "Una squadra per la ricerca"
Violento temporale in Alta Irpinia provoca una frana, chiusa la strada provinciale 143 a Bagnoli
Cade dal ponteggio in un cantiere, operaio 47enne in prognosi riservata

 

Lavoratori in nero e costruzioni abusive nei pressi del fiume Calore, nei guai un imprenditore

auto carabinieri

(auto carabinieri)

Nellambito di servizi finalizzati alla tutela dellambiente ed al contrasto dellabusivismo edilizio, i Carabinieri della Stazione di Montella, a conclusione di mirati accertamenti avviati unitamente a Carabinieri della Stazione Forestale di Bagnoli Irpino nonché a personale dellIspettorato del Lavoro e dellUfficio Tecnico Comunale, hanno denunciato il titolare di unazienda agricola di Montella, ritenuto responsabile dei reati di “Abbandono e deposito incontrollati di rifiuti sul suolo”, “Attività di gestione di rifiuti non autorizzata”, “Realizzazione opere abusive in aree tutelate per legge” e Lavoro irregolare”. In particolare, laccesso ispettivo allazienda permetteva di accertare: la gestione illecita dei rifiuti (pneumatici, materiale edile di risulta, asfalto, materiale plastico), in parte derivanti dal ciclo di produzione (rifiuti vegetali, letame e reflui zootecnici), abbandonati in materia indiscriminata sul suolo; la realizzazione di un ampliamento del piazzale adiacente la concimaia e la stalla, in assenza delle necessarie autorizzazioni e senza rispettare la distanza minima prevista dal fiume Calore (zona tutelata perché di interesse paesaggistico); limpiego in nero di un lavoratore che, da accertamenti svolti, non risultava essere stato assunto regolarmente. A carico dellimprenditore è scattato quindi il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Larea interessata, avente una superfice di circa 300 metri quadrati, veniva sottoposta a sequestro e, per la classificazione e la campionatura dei rifiuti, veniva richiesto lintervento di personale specializzato dellA.R.P.A.C..

Condividi