IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Lutto tra gli avvocati irpini: è morto il penalista Massimo Preziosi
Presi i ladri dei garage di Avellino e hinterland
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"

 

Lavoratori in nero e costruzioni abusive nei pressi del fiume Calore, nei guai un imprenditore

auto carabinieri

(auto carabinieri)

Nellambito di servizi finalizzati alla tutela dellambiente ed al contrasto dellabusivismo edilizio, i Carabinieri della Stazione di Montella, a conclusione di mirati accertamenti avviati unitamente a Carabinieri della Stazione Forestale di Bagnoli Irpino nonché a personale dellIspettorato del Lavoro e dellUfficio Tecnico Comunale, hanno denunciato il titolare di unazienda agricola di Montella, ritenuto responsabile dei reati di “Abbandono e deposito incontrollati di rifiuti sul suolo”, “Attività di gestione di rifiuti non autorizzata”, “Realizzazione opere abusive in aree tutelate per legge” e Lavoro irregolare”. In particolare, laccesso ispettivo allazienda permetteva di accertare: la gestione illecita dei rifiuti (pneumatici, materiale edile di risulta, asfalto, materiale plastico), in parte derivanti dal ciclo di produzione (rifiuti vegetali, letame e reflui zootecnici), abbandonati in materia indiscriminata sul suolo; la realizzazione di un ampliamento del piazzale adiacente la concimaia e la stalla, in assenza delle necessarie autorizzazioni e senza rispettare la distanza minima prevista dal fiume Calore (zona tutelata perché di interesse paesaggistico); limpiego in nero di un lavoratore che, da accertamenti svolti, non risultava essere stato assunto regolarmente. A carico dellimprenditore è scattato quindi il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Larea interessata, avente una superfice di circa 300 metri quadrati, veniva sottoposta a sequestro e, per la classificazione e la campionatura dei rifiuti, veniva richiesto lintervento di personale specializzato dellA.R.P.A.C..

Condividi