IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica

 

Lavoratori in nero e costruzioni abusive nei pressi del fiume Calore, nei guai un imprenditore

auto carabinieri

(auto carabinieri)

Nellambito di servizi finalizzati alla tutela dellambiente ed al contrasto dellabusivismo edilizio, i Carabinieri della Stazione di Montella, a conclusione di mirati accertamenti avviati unitamente a Carabinieri della Stazione Forestale di Bagnoli Irpino nonché a personale dellIspettorato del Lavoro e dellUfficio Tecnico Comunale, hanno denunciato il titolare di unazienda agricola di Montella, ritenuto responsabile dei reati di “Abbandono e deposito incontrollati di rifiuti sul suolo”, “Attività di gestione di rifiuti non autorizzata”, “Realizzazione opere abusive in aree tutelate per legge” e Lavoro irregolare”. In particolare, laccesso ispettivo allazienda permetteva di accertare: la gestione illecita dei rifiuti (pneumatici, materiale edile di risulta, asfalto, materiale plastico), in parte derivanti dal ciclo di produzione (rifiuti vegetali, letame e reflui zootecnici), abbandonati in materia indiscriminata sul suolo; la realizzazione di un ampliamento del piazzale adiacente la concimaia e la stalla, in assenza delle necessarie autorizzazioni e senza rispettare la distanza minima prevista dal fiume Calore (zona tutelata perché di interesse paesaggistico); limpiego in nero di un lavoratore che, da accertamenti svolti, non risultava essere stato assunto regolarmente. A carico dellimprenditore è scattato quindi il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Larea interessata, avente una superfice di circa 300 metri quadrati, veniva sottoposta a sequestro e, per la classificazione e la campionatura dei rifiuti, veniva richiesto lintervento di personale specializzato dellA.R.P.A.C..

Condividi