IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Lavoratori irregolari in locali pubblici, sospese due attività

l'auto dei carabinieri

(l'auto dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Compagnia di Baiano, nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino finalizzati al contrasto del lavoro irregolare e alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, hanno proceduto ad ispezionare svariate attività del Mandamento baianese, riscontrando che la maggior parte di esse rispettano le normative vigenti. In particolare, all’esito delle verifiche eseguite dai Carabinieri della Stazione di Baiano, che hanno operato unitamente a personale dell’Ispettorato del Lavoro di Avellino, è stato segnalato alla competente Autorità il titolare di una pizzeria di Baiano ritenuto responsabile di avere alle proprie dipendenze due lavoratori non regolarmente assunti; analoga sorte per il titolare di una sala giochi di Sirignano dove è stata riscontrata la presenza di un lavoratore “in nero”. Alla luce di quanto accertato, oltre alla “maxi-sanzione per il lavoro irregolare” è scattata la proposta di sospensione per entrambe le attività, in quanto impiegavano lavoratori privi di regolare assunzione in misura superiore alla soglia del venti percento del totale delle rispettive maestranze fissata dalla normativa vigente. Tali controlli, tesi a garantire rispetto della legalità sui luoghi di lavoro, ancora troppo sovente scenari di incidenti le cui conseguenze sono rese maggiormente tristi dal fatto che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto di normative e procedure di sicurezza, proseguiranno anche nei prossimi giorni nell’intera provincia.

Condividi