IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sorpreso con droga e spinelli, nei guai 23enne
Maxi sequestro di bombole gpl, nei guai un commerciante
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello

 

Le fiamme gialle sequestrano altre slot "mangiasoldi"

Continuano i controlli sull'intero territorio provinciale

finanza blocco

(finanza blocco)
(Foto: Fiamme Gialle)

Confermando la preminenza che i fatti attribuiscono all’attività delle Fiamme Gialle nello specifico settore, prosegue l’azione del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino per quanto riguarda il contrasto del fenomeno del gioco d’azzardo a mezzo apparecchiature da intrattenimento del tipo slot machines. Ad esser protagonisti dell’ultima operazione sono stati stamani i militari del Nucleo Mobile della Tenenza di Sant’Angelo dei Lombardi che nella circostanza, in un’ottica di grande collaborazione con gli altri soggetti istituzionali interessati all’azione di contrasto, hanno operato congiuntamente a funzionari della S.I.A.E., direttamente coinvolti nei servizi in virtù di una specifica convenzione stipulata con l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. In tale contesto, nella mattinata odierna una pattuglia di Fiamme Gialle è intervenuta presso una bar sito in una centralissima strada di Andretta, precedentemente individuato a seguito di un accurato sviluppo di alcuni spunti informativi. All’atto dell’accesso presso il bar veniva verificato che, con riferimento alle tre “macchinette” in esercizio in una saletta riservata, una risultava operare in maniera decisamente irregolare in quanto, il “gioco” non rispondeva alle caratteristiche prescritte dalle disposizioni vigenti in quanto sprovvisto dei meccanismi necessari per assicurare la percentuale minima di vincite prevista dalla legge. L’apparecchiatura da intrattenimento, questa la definizione tecnica sulla scorta del dettato normativo, si tramutava così nei fatti in una vera e propria “macchinetta mangiasoldi” e pertanto veniva sottoposta a sequestro unitamente alla somma di quasi 300 euro, provento delle “giocate” effettuate nella mattinata. Nei confronti della responsabile dell’esercizio commerciale, identificata per tale S.C. (di anni 53), scattava la prevista sanzione amministrativa e la segnalazione all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, al Sindaco del Comune di Andretta ed alla Questura di Avellino, per l’adozione dei rispettivi provvedimenti di competenza ai sensi di quanto previsto dall’articolo 110 (comma 9 - lettera “c.”) del Testo Unico sulle Leggi di Pubblica Sicurezza.

Condividi