IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Panettone più buono d’Italia”, Pompilio Giardino di Ariano Irpino conquista il secondo posto
Ricettazione e riciclaggio di volumi antichi e armi medievali, arrestato il responsabile del Museo di Ariano Irpino
Scuola, i sindacati chiedono di rimandare l'apertura
Corso per Tecnico Superiore Poli Culturali, pubblicato il bando. Si cercano 50 giovani
Rubavano di notte merce nel supermercato: arrestati due dipendenti
Costruzioni abusive a Santo Stefano del Sole, denunciate tre persone
Inquinamento ambientale, denunciato il titolare di un frantoio
Sequestrate 8 tonnellate di nocciolino in un'azienda, multa da 1000 euro al titolare
Atripalda, auto prende fuoco in marcia. Paura sulla Variante
Acquistano merce per 2mila euro e pagano con un assegno scoperto, denunciati

 

Libia, un giovane irpino fatto prigioniero da Gheddafi

Si tratta di Antonio Cataldo, 27enne di Chiusano

in guerra

(in guerra)
(Foto: Lorem Ipse)

Paura a Tripoli per un giovane della provincia di Avellino, fatto prigioniero dalle truppe di Gheddafi. Si tratta di Antonio Cataldo, 27 anni, di Chiusano di San Domenico. Il ragazzo insieme a Luca Boero, 42 anni, di Genova e Vittorio Carella, 42 anni, di Peschiera Borromeo, in provincia di Milano, dicono di essere rimasti prigionieri per un mese nelle carceri della Libia. Ora si troverebbero presso l'Hotel Corinthia di Tripoli, insieme ai quattro giornalisti rapiti nei giorni scorsi. I tre si sarebbero trovati in Tunisia per svolgere non meglio precisati compiti di sicurezza. Dal confine con la Tunisia i tre sono finiti poi nel carcere di Tripoli, controllato da Gheddafi, dove sono stati ammanettati, bendati e picchiati. A stretto giro i tre dovrebbero fare ritorno in patria e chiarire la vicenda.

Condividi