IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, 25enne pestato a sangue in un locale del centro storico
Casa squillo nella periferia avellinese, nei guai una 35enne
Avellino, travolge un'auto con a bordo 4 giovani in viale Italia e fugge
Dramma sull'Ofantina, muore 21enne
Serino, cocaina nascosta nell'area pic-nic: arrestato 43enne
Atripalda, incidente sulla Variante: ferito giovane motociclista
Un Gratta e Vinci da 2 milioni di euro ad Ariano
Rimane con l'auto bloccata sui binari mentre sta passando il treno, paura per un irpino
SuperEnalotto, sfiorato il Jackpot a Montoro: centrato un 5 da 31mila euro
Fermato tir carico di detersivi e cosmetici contraffatti, denunciato l'autista

 

Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri, arrestato 20enne

L'arresto dei carabinieri

(L'arresto dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione di Mirabella Eclano hanno tratto in arresto un ventenne del luogo, già noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto responsabile dei reati di Resistenza a Pubblico UfficialeMaltrattamenti in famiglia e Lesioni personali.

I fatti si son svolti questa notte a Mirabella Eclano. Sul “112” giunge la segnalazione di una lite in famiglia: una pattuglia viene quindi tempestivamente inviata presso l’abitazione segnalata dove, ad attendere sul portone d’ingresso della palazzina, un uomo visibilmente agitato riferisce ai militari di essere stato, per futili motivi, aggredito dal figlio che si era chiuso in casa.

Confortato dalla presenza delle uniformi dell’Arma, il malcapitato aggiunge che non è la prima volta che il figlio, rincasando a tarda ora, assume un tale comportamento sia nei suoi confronti sia della madre.

Il giovane, invitato dai Carabinieri ad aprire la porta e a mantenere la calma, da subito non fa mistero di non gradire la presenza dei militari e, per tutta risposta, in una rapida escalation di livore, inveisce verbalmente contro i militari per poi repentinamente passare senza soluzione di continuità alle vie di fatto, scagliando delle suppellettili contro gli operanti. Ed è stato solo grazie alla loro prontezza di riflessi che l’azione non ha prodotto ben più gravi conseguenze. 

Una volta bloccato in un contesto di piena sicurezza e scongiurata dunque la possibilità di gesti inconsulti, il ventenne è stato condotto in Caserma e dichiarato in stato d’arresto alla Procura della Repubblica di Benevento, in attesa di comparire nella mattinata odierna dinnanzi al Tribunale per essere giudicato con la formula del rito direttissimo.

Condividi