IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Montoro, ingerisce soda caustica. Grave bimbo di 4 anni
Beccati ad acquistare droga da un ciclista, nei guai due giovani avellinesi
Festa della Birra a Chiusano San Domenico, eccellenze gastronomiche irpine e buona musica
Avellino, furti di Suv in città. S'indaga
Auto sbanda e si ribalta, ferito un 42enne
Crisi Sidigas, Adoc e Federconsumatori: "Attenzione alle truffe"
Perde il controllo dell'auto e finisce nella scarpata, anziano in ospedale
Avellino, forava gli pneumatici e poi derubava gli automobilisti. Arrestato 30enne
Colto da malore, muore in uno stabilimento termale
Due giorni di festa ad Atripalda: Notte Bianca e artisti di strada in via Roma

 

Litiga con la compagna e aggredisce i carabinieri, arrestato

L'arresto dei carabinieri

(L'arresto dei carabinieri)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montella hanno tratto in arresto un 47enne di Volturara Irpina resosi responsabile di lesioni personali, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale. I fatti si son svolti nella tarda serata di ieri. Sul “112” del Comando Provinciale di Avellino giunge la segnalazione di una lite presso un’abitazione di Volturara Irpina. Sul posto viene inviata tempestivamente una Gazzella il cui equipaggio, all’arrivo, nota subito una coppia che discute animosamente. Alla doverosa richiesta fatta dai Carabinieri per comprendere quanto stesse accadendo, il 47enne, già noto alle Forze dell’Ordine ed in apparente stato di alterazione, in una rapida escalation di livore, inveisce contro i militari, prima minacciandoli anche di morte per poi repentinamente passare senza soluzione di continuità alle vie di fatto, aggredendoli con una sedia. Con non poca fatica i Carabinieri riescono a fermarlo, evitando, grazie alla loro prontezza di riflessi, ben più gravi conseguenze. In tale fase, uno dei militari ha riportato un trauma distorsivo al polso, giudicato con una decina di giorni di prognosi. Una volta bloccato in un contesto di piena sicurezza e scongiurata dunque la possibilità di gesti inconsulti, l’esagitato viene accompagnato in Caserma ove, alla luce delle evidenze raccolte, è stato dichiarato in stato d’arresto e, successivamente alle formalità di rito, come disposto dalla Procura della Repubblica di Avellino, trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa di comparire dinnanzi al Tribunale per il rito direttissimo. Nella mattinata odierna la citata Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto applicando la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Condividi