IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Lorenzo, il carabiniere di Vallata in servizio all'Ambasciata di Tokio

Lorenzo Marino ha vissuto personalmente l'apocalisse che ha colpito il Giappone perchè in servizio all'Ambasciata Italiana di Tokio

Carabinieri volante

(Carabinieri volante)
(Foto: Irpinia Report)

Lorenzo Marino, 33 anni carabiniere di Vallata, ha vissuto personalmente il sisma terrificante che ha colpito il Giappone nei giorni scorsi. Il giovane militare è in servizio presso l'Ambasciata Italiana di Tokio. Dovrà rimanerci per tre anni per aver superato un concorso interno nell'Arma dei Carabinieri. "Ho avuto più paura in questa occasione che nelle missioni in Kosovo." racconta Lorenzo per telefono con una apparente serenità. "Ero in casa quando sono stato letteralmente sbalzato contro un muro. Per quegli interminabili minuti che mi sono sembrati un secolo, non sono riuscito a stare in piedi. Ho visto palazzi che oscillavano, ma che oggi non presentano una crepa. In Italia, un terremoto così avrebbe distrutto ogni cosa." Così è stata vissuta dal giovane l'apocalisse del Giappone. Lorenzo racconta che la città sia apparentemente ritornata alla normalità. I servizi sono regolari e la gente è ritornata al lavoro. Ma il problema più serio è quello della centrale nucleare di Fukushima a soli 270 chilometri da Tokio. Il giovane carabiniere, per ora, resta all'Ambasciata della capitale giapponese, mentre i familiari sono continuamente informati dell'evolversi della situazione.

Condividi