IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente
Operai in nero in un cantiere, nei guai un imprenditore edile

 

Lorenzo, il carabiniere di Vallata in servizio all'Ambasciata di Tokio

Lorenzo Marino ha vissuto personalmente l'apocalisse che ha colpito il Giappone perchè in servizio all'Ambasciata Italiana di Tokio

Carabinieri volante

(Carabinieri volante)
(Foto: Irpinia Report)

Lorenzo Marino, 33 anni carabiniere di Vallata, ha vissuto personalmente il sisma terrificante che ha colpito il Giappone nei giorni scorsi. Il giovane militare è in servizio presso l'Ambasciata Italiana di Tokio. Dovrà rimanerci per tre anni per aver superato un concorso interno nell'Arma dei Carabinieri. "Ho avuto più paura in questa occasione che nelle missioni in Kosovo." racconta Lorenzo per telefono con una apparente serenità. "Ero in casa quando sono stato letteralmente sbalzato contro un muro. Per quegli interminabili minuti che mi sono sembrati un secolo, non sono riuscito a stare in piedi. Ho visto palazzi che oscillavano, ma che oggi non presentano una crepa. In Italia, un terremoto così avrebbe distrutto ogni cosa." Così è stata vissuta dal giovane l'apocalisse del Giappone. Lorenzo racconta che la città sia apparentemente ritornata alla normalità. I servizi sono regolari e la gente è ritornata al lavoro. Ma il problema più serio è quello della centrale nucleare di Fukushima a soli 270 chilometri da Tokio. Il giovane carabiniere, per ora, resta all'Ambasciata della capitale giapponese, mentre i familiari sono continuamente informati dell'evolversi della situazione.

Condividi