IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Maltrattamenti in famiglia, solofrano condannato a 2 anni

E' stato tratto in arresto dai carabinieri della locale stazione

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

I carabinieri della Stazione di Solofra hanno tratto in arresto un uomo del posto, classe 1964, pregiudicato, dando esecuzione ad un ordinanza di applicazione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino. La misura afflittiva in questione, che condanna l’uomo a scontare una pena detentiva pari a 2 anni e 5 mesi di reclusione, interviene al termine di un processo penale che ha portato alla sua condanna per i reati di lesioni personali, maltrattamenti in famiglia, falsa testimonianza e violenza privata, tutti commessi tra Solfora ed Avellino ed in un periodo compreso tra il gennaio 2005 ed il marzo 2006. Una volta tratto in arresto, e al termine delle formalità di rito ad esso connesse, l’uomo è stato dagli stessi carabinieri di Solofra accompagnato presso la casa circondariale di Avellino – Bellizzi Irpino, ove dovrà rimanere a scontare la propria pena definitiva, fino ad eventuale nuovo ordine dell’autorità giudiziaria competente.

Condividi