IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, bomba al Vescovado: tre feriti. Fermato un uomo
Avellino, sorpresi in auto con diversi alcolici e birre di dubbia provenienza. Fermati in tre
Crisi rifiuti, chiusura impianti del Nord per la frazione organica
In giro con coltello e tirapugni, nei guai 25enne
Come non perdersi in montagna, i consigli utili dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino
Muore schiacciato da un furgone, tragedia nella notte
Spacciava droga a giovani e clienti, arrestato barbiere
Sversava nel fiume Sabato scarichi industriale, denunciato imprenditore
Aggressione al carcere di Bellizzi, detenuti in ospedale
Nascondeva la droga nella playstation, nei guai 50enne

 

Manocalzati, tenta di acquistare un'auto di lusso con documenti falsi. In manette truffatore seriale

auto carabinieri

(auto carabinieri)

I militari della sezione operativa della Compagnia di Avellino, grazie all’incessante attività informativa sul territorio, sono venuti a conoscenza di alcune truffe che si stavano per compiere nella provincia. Sin da subito sono iniziati i pedinamenti e gli appostamenti che hanno portato nella serata di ieri all’arresto di un 55enne napoletano. Nello specifico il truffatore si era recato presso un noto concessionario di Manocalzati dove aveva richiesto un finanziamento per l’acquisto di una lussuosa autovettura. Giunto al bancone prima di concludere la trattativa è stato repentinamente bloccato dai Carabinieri della sezione operativa, diligentemente nascosti e mimetizzati per non destare sospetti, che lo hanno colto con le mani nel sacco. Infatti il 55enne per ottenere il finanziamento e scorrazzare liberamente senza averla pagata con una macchina invidiabile, aveva esibito un documento che solo all’occhio arguto e attento degli operanti risultava falso in quanto lo stesso aveva apposto su una carta d’identità la propria foto mettendo dei dati di un’altra persona realmente esistente e priva di pregiudizi penali. La successiva ed accurata perquisizione permetteva di rinvenire un ulteriore documento falso nonché 1500 euro del quale non sapeva dare alcuna giustificazione al possesso pertanto il tutto veniva sottoposto a sequestro. Da immediati accertamenti il truffatore risultava colpito già da un ordine di carcerazione del tribunale di Potenza per analoghi reati. Dopo le formalità di rito veniva tradotto presso la casa circondariale di Bellizzi Irpino a disposizione dell’A.G. e nella mattinata odierna con rito direttissimo è stato condannato alla pena di anni 2 di reclusione.

Condividi