IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale

 

Marito e moglie con il vizio dello spaccio

Operazione dei carbinieri di Bonito

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Continua l’offensiva dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino contro lo spaccio e la detenzione di sostanze stupefacenti. Nella giornata di ieri i Carabinieri di Bonito hanno tratto in arresto in flagranza di reato due coniugi per coltivazione di sostanze stupefacenti. I Carabinieri nel quadro di un’attività di controllo del territorio finalizzata a prevenire e reprimere i reati in materia di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, dopo vari servizi di osservazione effettuati negli ultimi giorni, finalizzati ad annotare ogni movimento sospetto nei pressi dell’abitazione della coppia, hanno deciso di effettuare la perquisizione. I Carabinieri sono riusciti a rinvenire e sequestrare, in un terreno adiacente l’abitazione dei coniugi, ben undici piante di marijuana dell’altezza di oltre un metro. A quel punto i Carabinieri, dopo aver concluso l’intera operazione, hanno dato notizia di quanto compiuto al Procuratore Capo di Ariano Irpino Dott. Luciano D’Emmanuele e al Sostituto di turno Dott. Arturo De Stefano. M.G. e F.Z, tratti in arresto per coltivazione di sostanze stupefacenti, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati tradotti il primo presso la casa circondariale di Ariano Irpino e la seconda presso la propria abitazione agli arresti domiciliari.

Condividi