IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Truffe agli anziani irpini, arrestato 43enne di Napoli
SuperEnalotto, centrato un 5 a Mercogliano
Volturara Irpina, sono 72 i contagiati da Covid-19 a "Villa Clementina"
Covid-19, aggiornamento contagi: 137 positivi. Allarme a Sturno e Candida
Sequestrata marijuana a Nusco, nei guai 4 giovani. Uno è minorenne
Covid-19, anziana muore dopo poche ore dal ricovero. È la 19esima vittima in Irpinia
Sequestro di armi a Montemarano, denunciato un 70enne
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl

 

Marito e moglie con il vizio dello spaccio

Operazione dei carbinieri di Bonito

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Continua l’offensiva dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino contro lo spaccio e la detenzione di sostanze stupefacenti. Nella giornata di ieri i Carabinieri di Bonito hanno tratto in arresto in flagranza di reato due coniugi per coltivazione di sostanze stupefacenti. I Carabinieri nel quadro di un’attività di controllo del territorio finalizzata a prevenire e reprimere i reati in materia di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, dopo vari servizi di osservazione effettuati negli ultimi giorni, finalizzati ad annotare ogni movimento sospetto nei pressi dell’abitazione della coppia, hanno deciso di effettuare la perquisizione. I Carabinieri sono riusciti a rinvenire e sequestrare, in un terreno adiacente l’abitazione dei coniugi, ben undici piante di marijuana dell’altezza di oltre un metro. A quel punto i Carabinieri, dopo aver concluso l’intera operazione, hanno dato notizia di quanto compiuto al Procuratore Capo di Ariano Irpino Dott. Luciano D’Emmanuele e al Sostituto di turno Dott. Arturo De Stefano. M.G. e F.Z, tratti in arresto per coltivazione di sostanze stupefacenti, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati tradotti il primo presso la casa circondariale di Ariano Irpino e la seconda presso la propria abitazione agli arresti domiciliari.

Condividi