IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Con l'auto a zig zag sul raccordo, nei guai 43enne di Avellino
Avellino, trasferimento del terminal bus in via Francesco Fariello. Ecco orari e corse
Peculato e falsificazione di valori bollati in 150 procedimenti, arrestato cancelliere
Finto maresciallo raggira un anziano e si fa consegnare 15mila euro
Rubavano i dati personali per attivare contratti telefonici e di fornitura di energia, due denunce
Sorpreso con un frustino,denunciato 50enne
Cesinali, investito mentre entra in farmacia. Ferito 30enne
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti

 

Maxi sequestro di batterie per cellulari e tablet per un valore di 600mila euro

L'auto della Gdf

(L'auto della Gdf)
(Foto: Irpiniareport)

La Compagnia della Guardia di Finanza di Avellino, nell’ambito dell’attività a contrasto in materia di lavoro nero, contraffazione e sicurezza prodotti, a seguito dell’accesso presso un locale di stoccaggio merci sito in Sirignano (AV), nella giornata di ieri ha sottoposto a sequestro 21.344 prodotti - per un valore di circa 600.000 euro - e constatato che i due lavoratori presenti erano totalmente “in nero”. In particolare, all’interno del locale venivano rinvenute batterie al litio per smartphone e tablet, attrezzatura per riparazione dei componenti elettronici e cover per cellulari, catalogate per marche e contenute all’interno di cartoncini bianchi, prive delle confezioni originarie, che venivano commercializzate online attraverso famose piattaforme di ecommerce. Le batterie prive di marchi, venivano acquistate dalla Cina per poi essere rivendute dopo avervi applicato adesivi riportanti i loghi contraffatti di noti brand del settore (Amazon Kindle, Huawei, Asus, NGM, Samsung, Acer, Wiko, Xiaomi, Weizu). Il titolare della ditta è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Avellino per vendita di materiale contraffatto e ricettazione, segnalato alla Camera di Commercio per la vendita di prodotti privi delle indicazione obbligatorie e all’Ispettorato Territoriale del Lavoro per l’utilizzo della manodopera “in nero”. Le sanzioni comminate ammontano ad un totale di 687.000 Euro.

Condividi