IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, maltrattava la mamma. Denunciata 20enne
Perseguitava e minacciava di morte la vicina di casa, nei guai anziano
Cesinali, l'oratorio in festa: serata all'insegna di musica e degustazione
Sorpreso con droga e spinelli, nei guai 23enne
Maxi sequestro di bombole gpl, nei guai un commerciante
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"

 

Maxi sequestro di pesce e legumi, multa per 8mila euro al venditore

Mercato del pesce

(Mercato del pesce)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione Forestale di Volturara Irpina, all'esito di controlli a tutela della sicurezza alimentare e alla prevenzione e repressione di violazioni in materia di abusivismo commerciale, hanno elevato sanzioni amministrative per un importo complessivo di 8mila euro a carico del titolare di un'attività di Montemarano per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari. Le verifiche, eseguite unitamente ai Carabinieri della Stazione Forestale di Lacedonia e della Stazione di Montemarano nonché a personale ASL di Avellino e dell'ufficio Tecnico Comunale di Montemarano, hanno permesso di constatare la vendita di frutta, verdura, legumi ed altri prodotti alimentari praticata in parte su area pubblica in assenza di titolo autorizzativo nonché presso i locali interni all'esercizio dove emergevano criticità di carattere igienico sanitario. Per tale motivo i sanitari dell'ASL procedevano all'immediata sospensione dell'attività. Dal controllo emergevano 45 chili di legumi privi di tracciabilità e 50 chili di pesce privo di informazioni obbligatorie per il consumatore. Pertanto si procedeva al sequestro amministrativo della merce e alla distruzione immediata sul posto mediante contaminazione con ipoclorito di sodio.

Condividi