IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Mezzo spargisale finisce fuori strada, recuperato dai pompieri
Neve in Irpinia, auto bloccate sul Laceno
Covid-19, la situazione in Irpinia: 36 casi positivi
Meteo, nuove nevicate in Irpinia
Covid-19, la situazione oggi in Campania: 1132 casi positivi e 23 decessi
Covid-19, la situazione in Irpinia: 30 casi positivi e 2 decessi
Avellino, colta da malore cade sul balcone. Donna in ospedale
Avellino, anziana cade in casa nella notte. Soccorsa dai pompieri
Fiamme nella notte in un appartamento, famiglia evacuata
Scuola, da lunedì in presenza anche la terza della scuola primaria

 

Montefusco piange padre Luigi Manganelli ucciso brutalmente in Venezuela

Aveva 46 anni. Molto amato e ben voluto

Montefusco

(Montefusco)
(Foto: Irpiniareport)

Padre Luigi Manganelli era originario di Montefusco. La comunità irpina piange la sua scomparsa avvenuta in modo atroce. È stato ucciso a Barquisimeto in Venezuela. Un brutale assassinio sul quale la polizia criminale venezuelana sta cercando di risalire agli autori. Una banda di malviventi ha fatto irruzione nell’edificio della scuola ‘La Salle’ della città presumibilmente per commettere un furto dove insegnava padre Manganelli. Il religioso è stato colpito violentemente al corpo e alla testa, anche con l’uso di un copriwater in ceramica. Ieri si è svolta l'autopsia. Padre Luigi Manganiello, religioso di origine italiana apparteneva alla Congregazione laicale fondata da San Giovanni Battista de La Salle. Era nato a Puerto Cabello l’8 giugno 1974 ed era figlio di due irpini emigrati da Montefusco. L’ambasciata d’Italia a Caracas, guidata dall’incaricato d’affari Placido Vigo, ha sottolineato che “il connazionale era molto conosciuto, amato e stimato per la sua opera svolta durante moltissimi anni” come direttore dell’Istituto religioso La Salle. L’incaricato d’affari, si è infine appreso, “ha inviato una lettera di condoglianze al cardinale Porras, affinché possa farsi portavoce della vicinanza dell’ambasciata e degli uffici consolari dipendenti anche con la famiglia del Signor Manganiello”.orologi replica

Condividi