IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica
"Più strisce pedonali ad Avellino per garantire maggiore sicurezza ai cittadini"
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia
Giro di assegni clonati per un valore di 190mila euro, nei guai 10 persone

 

Moschiano, ricorre al giudice per aprire sigilli della bara

L'episodio si è verificato dopo il funerale

preghiera

(preghiera)

Una donna di Moschiano ha fatto ricorso al magistrato per far riaprire la salma tumulata della madre deceduta. Dopo che si è svolto il funerale dell'anziana, la bara è stata sigillata prima che la donna potesse dare l'estremo saluto alla madre. Dinanzi a tale situazione, ha denunciato l'accaduto ai carabinieri spiegando le ragioni della sua richiesta. Al centro di questo episodio dissidi familiari. Per evitare ulteriori discussioni la donna aveva pensato bene di dare l'ultimo saluto alla salma direttamente al cimitero prima della tumulazione, ma si è vista impedire questo desiderio. Di conseguenza, il magistrato ha accolto la richiesta e ha disposto immediatamente che venissero tolti i sigilli per permettere alla donna di poter salutare l'ultima volta la sua mamma. 

Condividi