IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Moschiano, ricorre al giudice per aprire sigilli della bara

L'episodio si è verificato dopo il funerale

preghiera

(preghiera)

Una donna di Moschiano ha fatto ricorso al magistrato per far riaprire la salma tumulata della madre deceduta. Dopo che si è svolto il funerale dell'anziana, la bara è stata sigillata prima che la donna potesse dare l'estremo saluto alla madre. Dinanzi a tale situazione, ha denunciato l'accaduto ai carabinieri spiegando le ragioni della sua richiesta. Al centro di questo episodio dissidi familiari. Per evitare ulteriori discussioni la donna aveva pensato bene di dare l'ultimo saluto alla salma direttamente al cimitero prima della tumulazione, ma si è vista impedire questo desiderio. Di conseguenza, il magistrato ha accolto la richiesta e ha disposto immediatamente che venissero tolti i sigilli per permettere alla donna di poter salutare l'ultima volta la sua mamma. 

Condividi