IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Perde il controllo e si schianta contro il muro, paura per due anziani sull'A16
Auto sbanda e si ribalta, ferita una ragazza
Ragazzina beve alcolici e finisce in ospedale, denunciato il titolare del bar
Serino, sequestrati 800 grammi di droga occultata in casa. Un arresto e due denunce
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne

 

Moschiano, ricorre al giudice per aprire sigilli della bara

L'episodio si è verificato dopo il funerale

preghiera

(preghiera)

Una donna di Moschiano ha fatto ricorso al magistrato per far riaprire la salma tumulata della madre deceduta. Dopo che si è svolto il funerale dell'anziana, la bara è stata sigillata prima che la donna potesse dare l'estremo saluto alla madre. Dinanzi a tale situazione, ha denunciato l'accaduto ai carabinieri spiegando le ragioni della sua richiesta. Al centro di questo episodio dissidi familiari. Per evitare ulteriori discussioni la donna aveva pensato bene di dare l'ultimo saluto alla salma direttamente al cimitero prima della tumulazione, ma si è vista impedire questo desiderio. Di conseguenza, il magistrato ha accolto la richiesta e ha disposto immediatamente che venissero tolti i sigilli per permettere alla donna di poter salutare l'ultima volta la sua mamma. 

Condividi