IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allevava cinghiali illegalmente, denunciato un anziano
Monteforte Irpino, fiamme al centro commerciale "Montedoro": bruciato un furgone
Avellino, schianto alla frazione Picarelli: due feriti
Spaccio di droga ad Atripalda, arrestato 40enne
Avellino, furti nei supermercati: fermati 4 rumeni
Lo chef Gianluigi Cipriano dona zeppole al reparto Covid del Moscati
Avellino, scoppia incendio in un garage. Paura a Rione San Tommaso
Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il bilancio dei Carabinieri: 54 arresti e 328 denunce
Cerealicoltura anima fertile dell'Irpinia, Picariello (Ordine Agronomi): "Bene l’associazionismo nel settore per crescere e fare impresa"
Furti, bloccato immigrato clandestino. Si aggirava con fare sospetto tra le abitazioni

 

Omicidio Cervinara, la gelosia il movente dell'assassinio

Interrogato Michele Rivetti dal Gip

La vittima Elisa Affinita con il marito

(La vittima Elisa Affinita con il marito)
(Foto: Irpiniareport)

Interrogato dal Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere Michele Rivetti, l'uomo di Cervinara che ha ucciso la moglie con un colpo di pistola. Dinanzi al giudice e assistito dal suo avvocato ha affermato di aver agito per gelosia. Il 52enne, fuggito dopo l'omicidio, è stato catturato venerdì scorso dagli agenti della Squadra Mobile di Avellino e del Commissariato di Cervinara presso un casolare di San Felice a Castello, dove è stata anche ritrovata l'arma del delitto. Intanto, l'uomo resta recluso nel carcere casertano.

Condividi