IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, sventato furto a Rione San Tommaso. Preso uno dei ladri
Progetto Parkinson Avellino, l'evento di solidarietà "Pizza e Pasta in E...motion" in via Francesco Tedesco
Assenza di autorizzazioni, denunciato imprenditore conciario
Serino, 49enne ritrovato cadavere nella sua abitazione
Onorificenza al comandante provinciale dei vigili del fuoco Rosa D'Eliseo
Novolegno, in scadenza il contratto di solidarietà. Torna il rischio dei licenziamenti
Evasione fiscale, confiscati beni per oltre 348milioni di euro ad un imprenditore di Mercogliano
Scomparsa Foglia, il presidente Biancardi: "Sono affranto dal dolore. E' stato il mio padre politico"
Lutto nella politica irpina, si è spento Pietro Foglia
Raid nelle ville a Starze di Summonte. Rubati denaro, gioielli e oggetti di valore

 

Omicidio Tornatore, in manette l'uomo che gli diede fuoco

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

Si tratta di un trentenne di Fisciano, pregiudicato e disoccupato, che questa mattina è stato arrestato in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Napoli, che ha coordinato le indagini sull’omicidio Tornatore, ed eseguita dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Avellino. Michele Tornatore, lo scorso mese di aprile, fu dapprima picchiato e poi ucciso con uno o più colpi di pistola alla testa. Il cadavere fu sistemato nel bagagliaio della sua auto e trasportato in una zona isolata al confine tra i comuni di Contrada e Montoro, in una discarica ad alta quota. Poi la vettura fu data alle fiamme. Il cadavere, divorato dal rogo, fu rinvenuto dopo giorni in località Serre, su indicazione di alcuni dipendenti del comune di Contrada. La vittima stava scontando una condanna per truffa e godeva del regime di semilibertà. Questa mattina sono scattate le manette ai polsi di quello che il Comandante provinciale dei carabinieri, Massimo Cagnazzo, ha definito come un coautore. E’ stato, infatti, proprio il 30enne di Fisciano a caricare il corpo di Tornatore in macchina, a trasportarlo in discarica ed a dare fuoco all’auto bruciando anche il cadavere. Il pregiudicato aveva contatti con uno degli arrestati del clan Genovese.

Condividi