IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allarme Confartigianato Avellino: “Il 35,67% dei dipendenti delle aziende artigiane e Pmi a rischio licenziamento”
In fila per il vaccino scopre di avere il Covid. Caos e paura a Monteforte Irpino
Il Covid uccide un medico di famiglia di San Sossio Baronia
Rubano un'auto in una villa, ripresi dalla videosorveglianza. È caccia ai ladri
Riprese le ricerche di Domenico Manzo scomparso da Prata Principato Ultra due mesi fa
Guasto condotta idrica a Cassano Irpino: 100 Comuni senz'acqua. Ecco quali
Trovato impiccato a un albero, choc nelle campagne di Bonito
Covid-19, picco in Irpinia: registrati 147 contagi
Covid-19, nuova impennata dei contagi in Irpinia. Mai tanti dal mese di dicembre
Compra on-line un'opera letteraria da 2.700 euro, a casa arriva un libro da quattro soldi

 

Operazione Securdrive: sequestrati 26 veicoli. In azione 300 uomini

Maxi-controllo nel Vallo Lauro e Baianese da parte della Guardia di Finanza

Un controllo della Gdf

(Un controllo della Gdf)
(Foto: Irpiniareport)

La Tenenza di Baiano ha avuto il ruolo di “capofila” nell’esecuzione di un articolato dispositivo di contrasto cui il Comando Provinciale di Avellino ha voluto dare attuazione per la prevenzione di violazioni al codice della strada, preludio alla particolare intensificazione di presenza sul territorio già predisposto in relazione all’incremento della movimentazione di mezzi e persone nel periodo delle festività pasquali. Nell’arco degli ultimi sei mesi, i finanzieri della reparto capeggiato dal maresciallo aiutante Marcello Daniele hanno infatti dato corso sul territorio di competenza (baianese e Vallo di Lauro) ad un impegno complessivo di circa 300 militari, suddivisi in ben 158 pattuglie. L’operazione, denominata SECURDRIVE, si è concretizzata in numerosissimi posti di blocco che, dislocati lungo le principali arterie di viabilità locale e regionale ed articolati in modo da coprire l’arco delle 24 ore, hanno portato al controllo di un numero elevatissimo di uomini e mezzi attuati: ben 129 sono risultati i soggetti che, nelle fasi d’identificazione, hanno evidenziato la sussistenza di specifici precedenti penali a loro carico. Il dato più rilevante, oltre alle 159 infrazioni al codice della strada che sono state rilevate nel corso dell’intera operazione SECURDRIVE (con sanzioni amministrative per un oltre 19.000 euro e l’avvio delle procedure finalizzate a ritiro delle patenti di guida per sei soggetti), è stato il sequestro di 26 automezzi in quanto risultati privi di copertura assicurativa. In un caso, infine, gli esiti di un posto di blocco si sono sostanziati anche in una denuncia penale nei confronti di un conducente di un autovettura allorquando è stato rilevato come il tagliando assicurativo del mezzo fosse stato falsificato nella data di scadenza della copertura.

Condividi